Quantcast
facebook rss

«Serve un Piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche»: lo chiedono Pd, Articolo 1 e Nos

SAN BENEDETTO - Portavoce la consigliera comunale e provinciale Aurora Bottiglieri che punta il dito sugli stalli, sui marciapiedi senza scivoli, sull'accessibilità alle spiagge libere, negozi, ristoranti e alberghi. «L'Amministrazione deve  stanziare annualmente una quota certa di risorse del bilancio comunale»
...

 

«Una città è civile e vivibile quando si garantiscono i diritti inviolabili di ciascuno a prescindere dalle condizioni personali, sociali e di salute dell’individuo». Lo afferma a San Benedetto Aurora Bottiglieri, conigliera comunale e provinciale, che parla per ill Partito Democratico, Articolo 1 e Nuovi Orizzonti Sambenedettesi (Nos), che hanno sostenuto, e sostengono, che la spesa per la disabilità sia un investimento, una sfida culturale, politica ed organizzativa.

 

Una delle spiagge sambenedettesi accessibili ai disabili: qui siamo allo “Zodiaco”

E prosegue: «Il terreno su cui misurarsi è rappresentato dalle concrete politiche sociali che devono tradurre in realtà i nuovi indirizzi, i nuovi bisogni. In linea con la consulta per la disabilità ribadiamo la necessità dell’attuazione di alcune priorità tra cui l’abbattimento delle barriere architettoniche, la mappatura deg li stalli dei parcheggi riservati e la loro messa a norma, l’accessibilità alle spiagge libere con la predisposizione di passerelle.

 

Sarebbe anche opportuno e civile, come già accade in altre zone turistiche della costa, proporre un’intesa con i concessionari di spiaggia affinché tutti gli stabilimenti siano in grado di accogliere alla balneazione persone con disabilità. Un’altra nota dolente per la nostra città è rappresentata dai marciapiedi che per il 50% non sono dotati di scivoli e che in molti casi sono stretti e disagevoli tanto da non consentire con facilità il passaggio ai pedoni e soprattutto alle mamme con i passeggini e ai disabili.

 

Aurora Bottiglieri

Ci sono stati segnalati problemi di accessibilità a negozi, ristoranti ed alberghi che in diversi casi non sono adeguati agli standard definiti dalla legge, così come il proliferare di cantieri edili e di occupazione di suolo commerciale hanno reso ormai impraticabili anche quei pochi tratti che, fino a poco tempo fa, permettevano un’accessibilità adeguata.

 

Affermiamo con forza che, nella scala delle priorità di cui un’Amministrazione comunale deve occuparsi, al primo posto devono esserci i diritti e i bisogni dei disabili, dei malati, degli anziani e dei bambini. È indispensabile garantire alle persone colpite da malattie o da traumi invalidanti una vita dignitosa consentendo loro di muoversi agevolmente e favorendo così la loro integrazione.

 

Questi cittadini purtroppo risultano spesso invisibili e vengono pertanto ignorati. La nostra coalizione esorta vivamente il sindaco ad onorare quanto promesso in campagna elettorale e a predisporre in tempi brevi un Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche, stanziando annualmente una quota certa di risorse del bilancio comunale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X