Quantcast
facebook rss

Covid e influenza, la “tempesta perfetta”: «Necessaria la prevenzione, soprattutto per le persone a rischio»

IL PUNTO con il dottor Angelini, direttore del Dipartimento di Prevenzione dell'Area Vasta 5. Il prossimo inverno, con l'abbandono delle restrizioni, potrebbero sovrapporsi i due virus. Quello stagionale è già stato isolato e si stanno preparando i vaccini 
...

 

Il dottor Claudio Angelini

 

di Maria Nerina Galiè

 

Il Covid avanza anche in piena estate, come non era accaduto nel clou della pandemia. Nel Piceno come nel resto d’Italia. Richieste di ospedalizzazione che non c’erano state nei due anni precedenti, tra giugno e luglio, con conseguente difficoltà negli ospedali, soprattutto nei Pronto Soccorso, e punti vaccinali per la popolazione “ripresi” d’assalto. E per fortuna, visto che il vaccino sembra rimasta l’unica arma contro un virus che ha aumentato la sua capacità di diffondersi, anche se non la “virulenza”, mentre l’uso delle mascherine e del distanziamento sembrano ormai un lontano ricordo.

 

Ma non è così di fronte a quella che potrebbe essere appellata come “la tempesta perfetta”, attesa per il prossimo inverno, con la possibile sovrapposizione del Covid mutato, forse ancora una volta, e il nuovo virus influenzale, tenuto a freno negli ultimi due anni dalle misure restrittive e dai dispositivi di protezione individuali obbligatori.

Quindi che fare? Che cosa dobbiamo aspettarci per i prossimi mesi? Impossibile saperlo con certezza ma è tuttavia utile fare un punto con il dottor Claudio Angelini, direttore del Dipartimento di Prevenzione e del Servizio Igiene e Sanità pubblica dell’Area Vasta 5.

 

Intanto le buone notizie dallo specialista: «Dal picco dei contagi, raggiunto tra metà e fine luglio come da previsioni nazionali, la curva comincia ad appiattirsi per poi discendere. Nel Piceno in linea con il resto del territorio nazionale. C’è anche da dire che i dati non sono  veritieri:  i tamponi rapidi vengono registrati solo quello fatti in farmacia, non a casa. E sono in molti a farlo a casa».

 

In merito al tipo di virus, “Omicron 5”, come è mutato adesso, il dottor Angelini precisa: «Ha una contagiosità pari a quella del morbillo, cioè altissima. Ma a differenza delle prime “versioni” colpisce prevalentemente le prime vie respiratorie. Può dare mal di gola, riniti. In genere non causa polmoniti».

 

Questo però, secondo il direttore del Sisp, non vuol dire che non sia pericoloso per le persone anziane e per quelle con co-morbilità e fragili. Non a caso è rivolta a loro la quarta dose di vaccino, la seconda booster, dal 12 luglio aperta a tutti gli over 60, mentre prima era dedicata agli over 80 ed ai fragili dai 60 anni in poi.

 

Ma non c’è solo il Covid a minacciare la salute dei cittadini che devono prestare maggiori attenzione a non ammalarsi: «Le mascherine ed il distanziamento – sono ancora le parole di Angelini – sociale sono stati utilissimi per tenere lontano il virus dell’influenza che, invece, potrebbe tornare a circolare come prima della pandemia già dal prossimo inverno. E’ pertanto importantissimo prevenire. Il vaccino anti influenzale, che si può somministrare insieme a quello contro il Covid,  dovrebbe arrivare ad ottobre».

 

Che influenza sarà quest’anno?

«Nell’emisfero australe attualmente circola l’H3N2 che è già stato isolato e contro il quale si sta preparando il vaccino. E’ lì che, in genere, esordisce, per poi interessare l’emisfero boreale. Dagli studi sembra trattarsi di una tipologia di virus abbastanza “importante”».

 

Vaccino anti Covid e anti influenzale insieme: non conviene attendere l’arrivo di quest’ultimo per proteggersi in una sola seduta?

«Direi proprio di non aspettare e mettere al sicuro gli anziani e i fragili. Sono queste categorie ad aver bisogno di cure ospedaliere a seguito del contagio da Covid, seppure la mutazione di adesso è meno “virulenta”. da gennaio 2022 ad oggi 107 persone, età media 83 anni e con patologie pregresse».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X