Quantcast
facebook rss

Tentano un furto in villa, i Carabinieri li scoprono: uno è stato arrestato, l’altro ha le ore contate

SPINETOLI - I militari del Nucleo Radio Mobile, nel corso di un pattugliamento, hanno notato i due armeggiare con un cacciavite, casco in testa e zaino in spalla, nel quale c'erano diversi attrezzi utili all'intento. Ecco com'è andata
...

 

 

 

Due malviventi scoperti mentre tentavano di forzare l’ingresso di un’abitazione: uno, un 40enne ligure, è stato fermato dai Carabinieri che sono sulle tracce del complice.

 

E’ accaduto a Pagliare, frazione di Spinetoli, teatro di assidui controlli da parte dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ascoli e  di San Benedetto.

 

Gli agenti di pattuglia hanno notato i due uomini armeggiare con un grosso giravite con la serratura del cancello di una villa, disabitata per ferie estive.

I movimenti dei due individui non sono passati inosservati alle pattuglie, anche perché entrambi avevano i caschi integrali calzati a coprire interamente la testa ed il volto e grossi zaini sulle spalle.

 

Gli agenti sono intervenuti imponendo loro l’alt, ma per tutta risposta i due hanno tentato di fuggire a bordo di una motocicletta parcheggiata nelle vicinanze della villa, la cui targa si è rilevata successivamente essere stata clonata.

Uno dei due soggetti è stato immediatamente fermato, perquisito sul posto, e trovato in possesso di un frullino, alcuni grossi cacciaviti, un piede di porco, una bottiglietta di spray urticante e due orecchini in oro giallo sulla cui provenienza si sta cercando di fare chiarezza, mentre il complice è riuscito a fuggire.

L’arrestato, messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria ascolana, potrà fornire appena possibile la sua versione dei fatti mentre sono al setaccio le immagini degli impianti di videosorveglianza cittadina per individuare il suo complice che avrebbe le ore contate.

 

«Anche nel periodo estivo – sottolineano dal Comando provinciale di Ascoli – prosegue il diuturno pattugliamento dei Carabinieri dei centri abitati e delle frazioni. Vigilanza che è stata potenziata per tutto il territorio provinciale a tutela dei cittadini onesti che sono ancora una volta invitati a chiamare il 112 per ogni presenza o movimento che ritengono sospetto, oppure a recarsi personalmente in una delle Caserme disseminate sul territorio del Piceno».

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X