Quantcast
facebook rss

«Scuola, in arrivo 10 milioni e mezzo di euro per il Piceno»

FONDI per istituti primari e secondari delle Marche per un totale di 44 milioni. Il coordinatore regionale Riccardo Marchetti: «Mentre gli altri chiacchierano noi lavoriamo per i cittadini»
...

 

 

«Sono 44 i milioni di euro per le Marche: questi i fondi assegnati dal ministero dell’Istruzione nell’ambito del Piano Scuola 4.0. Questo provvedimento è stato fortemente sostenuto dalla Lega e frutto dell’importante impegno del sottosegretario Sasso».

 

Riccardo Augusto Marchetti

Lo dichiara il deputato e coordinatore della Lega nelle Marche, Riccardo Augusto Marchetti, che sottolinea: «Nello specifico arriveranno risorse sia per la scuola primaria che per la scuola secondaria per un complessivo di 13 milioni di euro per la provincia di Ancona; di 10,5 milioni di euro per la provincia di Ascoli; di 9,6 milioni euro per la provincia di Macerata e di 10 mln di euro per la provincia di Pesaro-Urbino».

 

Prosegue Marchetti: «Il piano prevede la trasformazione di classi tradizionali in ambienti innovativi di apprendimento e la creazione di laboratori per le professioni del futuro, e ciascuna scuola potrà decidere in autonomia come utilizzare le risorse.

 

I dirigenti scolastici, in collaborazione con l’animatore digitale e il team per l’innovazione, potranno costituire un gruppo di progettazione insieme a docenti e studenti per pianificare gli interventi.

 

A disposizione di ogni istituto ci saranno strumenti di accompagnamento, come il Gruppo di supporto al Pnrr, costituito al ministero dell’Istruzione e negli Uffici scolastici regionali, oltre che la Task force scuole, gestita in collaborazione con l’Agenzia per la coesione territoriale.

 

Ancora una volta, mentre gli altri chiacchierano, la Lega lavora per i cittadini e per dare risposte concrete alle richieste che arrivano dai territori di tutta Italia, a partire dalla nostra regione. Un passo in più per una scuola rinnovata e innovativa, capace di tutelare i ragazzi, le famiglie e i docenti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X