Quantcast
facebook rss

Prefettura, Mauro Papa nuovo capo di gabinetto

ASCOLI - Si è insediato nel Palazzo del Governo. Il vie prefetto subentra a Carmelo Trattaro che va a ricoprire un altro incarico negli uffici centrali del Ministero dell'Interno
...

 

Si è insediato ad Ascoli il nuovo capo di gabinetto della Prefettura. Si tratta del vice prefetto aggiunto Mauro Papa che subentra a Carmelo Trattaro, destinato ad altro incarico presso gli uffici centrali del Ministero dell’Interno.

 

La Prefettura di Ascoli

Originario di Lecce e proveniente dalla Prefettura di Rovigo, Papa ha acquisito una vasta esperienza presso le articolazioni del Ministero dell’Interno in diverse realtà del territorio nazionale.

 

Entrato in servizio nel 2006 presso la Prefettura di Bologna, si è occupato, tra l’altro, di immigrazione, protezione civile, ordine e sicurezza pubblica, servizi elettorali e attività contrattuale.

 

Dopo due brevi esperienze negli uffici centrali del Ministero e presso l’ufficio di gabinetto della Prefettura di Lecce, è stato assegnato alla Prefettura di Fermo dove ha diretto l’ufficio per la gestione delle sanzioni amministrative, l’ufficio cittadinanza e il nucleo operativo tossicodipendenze.

 

Successivamente, presso la Prefettura di Rovigo, ha assunto il ruolo di capo di gabinetto e di dirigente dell’Area I “Ordine e sicurezza pubblica e tutela della legalità territoriale”, oltre all’incarico di responsabile del settore “Protezione civile, Difesa civile e Coordinamento del soccorso pubblico”. Nel marzo 2021 è stato nominato commissario straordinario del Comune di Fiesso Umbertiano (Rovigo), incarico che ha ricoperto fino ad ottobre 2021.

 

Oltre alla funzione di capo di gabinetto, sarà responsabile dell’Area IV “Tutela dei diritti civili, cittadinanza e immigrazione”. Il prefetto Carlo De Rogatis e tutto il personale della Prefettura di Ascoli hanno accolto il nuovo dirigente esprimendogli i migliori auguri di buon lavoro per il nuovo incarico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X