Quantcast
facebook rss

Una via ed una targa per Giovanni Pazzaglia, carabiniere eroe di Montemonaco (Foto)

CADUTO in Africa orientale nel 1937, la cerimonia commemorativa nel suo paese. Insieme alla sindaca Francesca Grilli, c'era anche il comandante della Legione Marche, Fabiano Salticchioli, che ha voluto  onorare la memoria del militare e rendere omaggio ai familiari, rappresentati dalla nipote Anna Maria. Presenti anche il vescovo Bresciani, il comandante provinciale dell'Arma Tommaseo, Compagnia di Ascoli Caruso e della Stazione di Montemonaco Fabiani
...

 

 

Una cerimonia sobria ma sentita per commemorare l’85esimo anniversario del sacrificio del carabiniere Medaglia d’Oro al Valor Militare Giovanni Pazzaglia, di Montemonaco, dove gli è stata dedicata una via, lungo la quale è stata posizionata una targa commemorativa.

 

A scoprirla, sabato 10 settembre, in occasione dell’evento commemorativo, la sindaca del comune montano Francesca Grilli insieme con il generale di Brigata Fabiano Salticchioli, comandante della Legione Carabinieri Marche.

 

Un momento di grande solennità, conferita anche dalla presenza del generale che ha voluto onorare la memoria del militare e rendere omaggio ai familiari, ma anche di commozione, per il carabiniere caduto in Africa orientale nel 1937, nell’estremo tentativo di difesa della Stazione Carabinieri da locali forze ribelli.

 

C’era anche Anna Maria Pazzaglia, nipote del caduto, che ha indossato la sua medaglia per la cerimonia.

 

Nel suo intervento, la sindaca ha ricordato la figura esemplare del carabiniere Pazzaglia, rimarcando poi la fondamentale quotidiana presenza dell’Arma dei Carabinieri anche nelle più remote realtà territoriali, punto di riferimento per popolazione ed Autorità.

 

Ha fatto seguito il Generale Salticchioli, che ha voluto con sé la signora Pazzaglia, quale segno concreto di attenzione e profondo rispetto riguardo la figura dello zio Giovanni, eroe dell’Arma dei Carabinieri che, ieri come oggi, continua a costituire presidio imprescindibile dello Stato.

 

Alcuni bambini del locale centro educativo hanno poi mostrato alcuni disegni, elaborati per l’occasione e recitato alcune poesie scritte da loro sulla figura dei carabinieri.

 

Alla cerimonia hanno presenziato anche altri rappresentanti istituzionali, fra i quali il vescovo della Diocesi di San Benedetto, monsignor Carlo Bresciani, il comandante provinciale dei Carabinieri, colonnello Giorgio Tommaseo, il neo comandante della Compagnia di Ascoli, capitano Oscar Caruso, e quello della Stazione di Montemonaco, maresciallo capo Massimo Fabiani, rappresentanti della Sezione Carabinieri in congedo di Comunanza, del 235° Reggimento dell’Esercito e delle polizie locali.

 

I brani musicali sono stati eseguiti dalla banda di Santa Vittoria in Matenano. La popolazione ha partecipato numerosa e commossa, nel ricordo del suo amato eroe.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X