Quantcast
facebook rss

Stazione di San Benedetto, senza ascensore né servizi igienici: la denuncia di “Ferrovia Salaria”

LA DENUNCIA del comitato nato al fine di promuovere il potenziamento del sistema ferroviario sul territorio: «Il bagno per i disabili trasformato in ripostiglio»
...

 

Il Coordinamento  Ferrovia Salaria segnala un “problema annoso” ed una ulteriore barriera per le persone disabili presso la stazione di San Benedetto.

 

Il riferimento è al bagno per i disabili della locale stazione «trasformato per l’occasione in ripostiglio per le pulizie (scope, palette, scala, aspirapolvere, idropulitrice, tubi)», si puntualizza nella nota firmata dall’architetto Guido Benigni. Che aggiunge: «Chiaramente le attrezzature dovrebbero trovare altra sistemazione, siamo certi che questo avverrà quanto prima. Anche perché la Stazione di San Benedetto è una delle dieci (su 63) delle Marche a dover offrire il servizio di assistenza Prm (Persone con Ridotta Mobilità).

 

Nonostante ciò, oltre a non essere dotata di un ascensore, a quanto pare non dispone nemmeno di servizi igienici adeguati.

Con questo – sono ancora le parole del comitato – non vogliamo certamente incolpare gli addetti alle pulizie che quotidianamente si prodigano per mantenere come si deve la stazione, anzi cogliamo l’occasione per ringraziarli per lo straordinario impegno.

Ad ogni modo, siamo certi che Rfi faccia sparire al più presto quel cartello “Fuori servizio per
manutenzione” che oltretutto appare significativamente deteriorato dai fenomeni atmosferici. Per quanto tempo la situazione graverà ancora sui soggetti più deboli?»

 

«Come noto – conclude Benigni – i collegamenti ferroviari nelle Marche Sud registrano un grave handicap infrastrutturale: dall’inadeguatezza del numero di treni ad alta percorrenza al ritardo progettuale della Ferrovia dei due Mari fino alla mancata riqualificazione della stazione di San Benedetto per ammodernare prima quella minore di Osimo.
Eppure, questa volta non occorrono iter istituzionali, fondi o progetti per risolvere la questione». 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X