Quantcast
facebook rss

«Così finanzia la Russia»: la banca le blocca il bonifico

CASO - Alessia Rossini di Corridonia racconta dal suo banco di frutta e verdura di Macerata la vicenda che l'ha vista protagonista. Il bonifico per pagare il rifornimento di gpl ad una azienda di Porto San Giorgio non è mai arrivato a destinazione
...

Alessia Rossini oggi al mercato settimanale di Macerata

 

di Alessandra Pierini

 

«Secondo la banca con un bonifico da 585 euro, io starei finanziando la Russia». E’ un misto tra incredulità e irritazione il racconto di Alessia Rossini di Corridonia che questa mattina, dalla sua bancarella di frutta e verdura al mercato di Macerata, ha ripetuto più e più volte ai suoi clienti la bizzarra vicenda che l’ha vista protagonista.

 

Tutto è iniziato con un bonifico all’azienda che le fornisce gpl ed ha sede a Porto San Giorgio. «A metà settembre sono andata in banca – ricorda la donna – e ho pagato 585 euro per fare il pieno di gas anche in vista dell’inverno. Ieri però mi ha chiamato l’azienda del gas e mi ha detto che non aveva ancora ricevuto il pagamento».

 

Sorpresa, la donna questa mattina è andata in banca a chiedere spiegazioni ed è lì che si è scoperta «una pericolosa finanziatrice della Russia – scherza – con ben 585 euro. Mi hanno detto che i soldi sono stati prelevati dal mio conto, ma sono stati bloccati per motivi di sicurezza. Mi hanno detto che forse l’azienda del gas ne ha una omonima in Russia e questo avrebbe creato il problema. Quello che dico è che sarebbe bastato un po’ di buonsenso per evitare tanti problemi».

 

Intanto il pericolo più grande poteva essere per Alessia Rossini quello di rimanere senza gpl: «L’azienda che mi rifornisce – conclude – ha detto che comunque io ho pagato e che mi faranno una fornitura».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X