Quantcast
facebook rss

I paladini dell’ambiente incantati dalla Rocca Montevarmine

CARASSAI - Il castello, di proprietà del Comune di Fermo e che si trova in terra picena, è stato meta dei ragazzi di "Questione Natura" che hanno trovato in terra soltanto una mascherina 
...

 

 

Carassai e la località di Rocca Montevarmine sono stati la meta dei volontari di Questione Natura, nei giorni scorsi. Un contesto che sembra fuori dal mondo, la cui suggestione evidentemente investe anche i cittadini ed i visitatori, spinti al rispetto: i ragazzi hanno  raccolto da terra una sola mascherina, oltre a qualche rifiuto di altro genere.

 

«Siamo rimasti incantati – raccontano i giovani paladini dell’ambiente – e senza parole davanti a quello che oggi è uno dei Castelli meglio conservati dell’intera Regione Marche. Purtroppo negli ultimi tempi ha visto uno stato di abbandono (si trova nel territorio comunale di Carassai ma è proprietà del Comune di Fermo) nonostante il grande e continuativo impegno dell’amministrazione locale e di tante altre persone che si sono unite nella speranza di poter far tornare a brillare questo posto unico.

 

Ogni anno vengono tenuti diversi eventi in loco, per far conoscere sempre di più questa bellezza d’altri tempi. Oggi possiamo ammirare il Castello sulla sommità di un colle boscoso e nonostante il passare del tempo e i vari cataclismi naturali ci appare ancora piuttosto integra con la sua svettante torre merlata. Il Forte, di forma quadrangolare era difeso sugli angoli da finte torrette ed è raccolto intorno alla piazza, centro delle attività militari e civili. Qui svettano il torrione, che occupa la parte centrale della rocca, e le altre strutture castellane.

 

Anche la chiesa di San Pietro, di origine settecentesca si apre sul cortile interno, mentre una scalinata che si arrampica sul fianco della torre raggiunge gli appartamenti nobili della rocca. E’ un dovere preservare una testimonianza storica più unica che rara, e noi tutti dobbiamo unirci nel rispetto e nella salvaguardia dell’ambiente e della cultura del nostro territorio».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X