Quantcast
facebook rss

Giornate Fai d’autunno, ad Ascoli porte aperte in due giardini d’eccezione

ASCOLI - Appuntamento sabato 15 e domenica 16 ottobre con l’undicesima edizione dell’evento di raccolta fondi promosso a livello nazionale dalla Fondazione. Grandi protagonisti i componenti del gruppo Giovani, che accompagneranno i visitatori nel giardino di Palazzo Saladini Pilastri. Riservato ai soli iscritti, invece, l’accesso all’area verde di Palazzo De Angelis
...

Sulla scia del consueto grande successo delle aperture primaverili, si rinnova anche quest’anno l’ormai consolidato appuntamento con le Giornate Fai d’Autunno, che nel fine settimana di sabato 15 e domenica 16 ottobre si apprestano a tagliare il nastro dell’undicesima edizione.

Il giardino di Palazzo Saladini Pilastri

Per l’occasione, la due giorni che il Fondo Ambiente Italiano dedica al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese anche durante l’autunno vedrà Ascoli protagonista con due perle d’eccezione, solitamente inaccessibili in quanto di proprietà privata, che promettono di regalare emozioni all’aria aperta a residenti, turisti e visitatori.

 

Grazie al contributo del gruppo Fai Giovani e la partecipazione attiva di tutta la delegazione ascolana, le cento torri faranno da sfondo all’apertura straordinaria di due splendidi giardini privati della città, a cominciare da quello di Palazzo Saladini-Pilastri.

 

GIARDINO DI PALAZZO SALADINI-PILASTRI – Da corso Mazzini, nel cuore pulsante del centro storico di Ascoli sull’attuale corso Mazzini, il giardino testimonia il prestigio dell’antica famiglia Saladini Pilastri.

 

Con i suoi 8.500 metri quadri circa di superficie, il giardino di Palazzo Saladini Pilastri costituisce un vero e proprio piccolo parco in pieno centro e si estende fino alla vicina sponda del Tronto tra ripide pareti di arenaria. Il giardino è parte integrante di una struttura il cui primo impianto risale al XVI secolo, inglobando e conservando parte di un antico monastero delle Benedettine con la contigua chiesa di S. Egidio.

 

Nonostante il palazzo sia stato a lungo disabitato, all’interno della struttura botanica del giardino è tuttora possibile individuare gli assi prospettici e i tracciati dei percorsi, ispirati alla regolarità geometrica del neoclassicismo. Accessibile solo dall’ampio passaggio voltato sul corso, il giardino poteva contare su percorsi definiti da aiuole e statue che conducono, dopo aver superato una vasca centrale, a un’aristocratica coffee house decorata da statue delle quattro stagioni e da severi leoni di terracotta.

 

Oltre a quello del palazzo che porta il nome di una storica famiglia ascolana, recentemente acquistato dal Comune di Ascoli, in città sarà possibile visitare anche un secondo spazio verde, riservato questa volta ai soli iscritti Fai. Resta valida, ovviamente, la possibilità di iscriversi in loco e di accedere così al giardino di Palazzo De Angelis.

 

GIARDINO DI PALAZZO DE ANGELIS – Racchiuso tra il fabbricato dello stesso palazzo che si affaccia su corso Mazzini a nord, un alto muro di recinzione su via XIX settembre a est e alcuni edifici del centro storico a sud e a ovest, la bellezza del giardino non è visibile dalla strada.

 

L’aspetto attuale del palazzo, le cui prime notizie risalgono al Cinquecento, è legato agli ampliamenti operati a fine Ottocento dalla famiglia De Angelis Corvi, che lo acquistò nel 1877.

 

Dall’androne si accede al giardino interno, che fa da sfondo alle due imponenti vetrate in ghisa che recano le iniziali del proprietario, dove troneggia un esemplare di magnolia grandiflora che cresce al centro di un prato circondato da piante di rose, siepi di alloro, lecci e arbusti fioriti.

 

Le due location saranno visitabili dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 di entrambe le giornate.

 

L’inserimento del giardino nell’ambito delle Giornate Fai di autunno rappresenta una logica e suggestiva tappa nell’ambito di un itinerario nei giardini storici della città.

Nonostante le dimensioni molto diverse, entrambi gli spazi appartengono infatti a famiglie che nella seconda metà del XIX secolo affermavano la loro posizione di rilievo attraverso la costruzione di dimore improntate alla bellezza, senza tralasciare l’aspetto dilettevole di un verde che all’epoca aveva già perso il suo fine produttivo per essere declinato, piuttosto, in chiave estetica.

La delegazione Fai di Ascoli in conferenza stampa

 

«Ancora una volta il Fai rappresenta un esempio di cooperazione e lavoro di squadra – dichiara Alessandra Stipa, presidente Fai Marche – in cui l’esperienza della delegazione si congiunge con l’entusiasmo e la spinta organizzativa dei due gruppi Fai Giovani di Ascoli e San Benedetto.

 

Ascoli porta ancora i segni delle ferite del sisma, ma l’apertura del giardino del Palazzo Saladini Pilastri è un’occasione unica per visitare un’area verde nel cuore della città. Allo stesso modo, per ringraziare i cittadini che con la loro iscrizione sostengono il lavoro del Fai, apriremo la corte interna del Palazzo De Angelis Corvi.

 

Voglio ringraziare il sindaco Marco Fioravanti e il barone Stanislao De Angelis Corvi, che generosamente condivide con il Fai il giardino della sua dimora».

 

«L’apertura del giardino Saladini Pilastri è un evento unico – assicura Gino Petronio, capogruppo Fai Giovani Ascoli Piceno -. Le Giornate d’autunno sono da sempre dedicate ai giovani che, nella nostra realtà, non costituiscono una semplice costola della delegazione ma sono sempre pronti a scendere in campo come protagonisti, come dimostrato anche dal grande successo delle ultime iniziative.

 

Rivolgo un sincero riconoscimento di stima e affetto alla presidente Stipa e a tutto il mio gruppo: ognuno di noi ama Ascoli in maniera incondizionata di Ascoli Piceno, per questo saremo sempre in prima linea con il Fai per esaltarne le bellezze e per difenderne le ricchezze».

 

L’elenco completo dei luoghi aperti al pubblico e le modalità di partecipazione sono disponibili sul sito giornatefai.it

 

Giornate Fai di primavera, un weekend per riscoprire Ascoli e le aree interne


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X