Quantcast
facebook rss

«Ecco le nostre ultime gocce di sangue»: va in scena la protesta di Nursind, Nursing Up e Usb (Foto e video)

SAN BENEDETTO - Intanto arriva la convocazione per il Tavolo regionale. Il presidio davanti all'ospedale "Madonna del Soccorso". Ad Ascoli infermieri e oss si erano incatenati
...

 

 

Dopo essersi incatenati, gli operatori sanitari di Area Vasta 5 aderenti a Nursind, Nursing Up e Usb si sono simbolicamente (qualcuno non solo simbolicamente) sottoposti al prelievo di sangue per esprimere la loro protesta nei confronti dei vertici regionali e locali per la gestione della Sanità picena.

 

Oggi, 21 novembre, la manifestazione indetta dalle sigle coordinate territorialmente da Maurizio Pelosi, Roberto Tassi e Mauro Giuliani si è tenuta davanti all’ospedale “Madonna del Soccorso” di San Benedetto.

La prima, il 4 novembre, al “Mazzoni” di Ascoli.

 

«Doniamo le nostre ultime gocce di sangue alla “resistenza” nei confronti di una dirigenza Asur che non vuole il benessere dei cittadini piceni se continua a succhiare energie e sangue, ai lavoratori ormai allo sfinimento», lo slogan che ha fatto da colonna sonora alla manifestazione di oggi.

 

Quasi in contemporanea con il presidio è arrivata la nuova convocazione al Tavolo regionale, che vedrà coinvolte tutte le sigle sindacali e la Rsu domattina, 22 novembre, in modalità online.

 

La riunione era prevista per il 9 novembre, annullata per il sisma che ha colpito il nord delle Marche.

 

Presidi erano previsti anche il 24 e 29 novembre, davanti agli ospedali di Ascoli e San Benedetto, sotto le bandiere di Cgil, Cisl e Uil funzione pubblica, Ugl Salute, Fials. Ma a questo punto sarà determinante l’esito dell’incontro di domani.

 

m.n.g.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X