Quantcast
facebook rss

Malattie respiratorie: due giorni di controlli al “Mazzoni” con i dottori D’Emilio e Fioroni

ASCOLI - L'iniziativa rientra nel progetto nazionale "AirLAB". Ecco il calendario e come prenotarsi
...

 

 

 

La salute dell’apparato respiratorio, partendo dalla diagnosi delle malattie  croniche più diffuse come asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), è al centro delle giornate “airLAB”, in programma all’ospedale “Mazzoni” di Ascoli, venerdì 25 novembre  (dalle ore 15 alle 19) e sabato 26 novembre (dalle ore 9 alle 13).

 

L’evento si svolgerà con il coordinamento del dottor Vittorio D’Emilio, direttore di Pneumologia, in collaborazione con il dottor Alfredo Fioroni, direttore di Fisioterapia e Riabilitazione.

 

L’obiettivo è quelli di dare ai pazienti, che hanno ricevuto una diagnosi o che presentano dei ‘sintomi spia’ (mancanza di respiro, tosse cronica), la possibilità di intraprendere il trattamento, in molti casi rinviato a causa della pandemia da Covid-19.

 

Le iscrizioni sono state già concordate con i Medici di Medicina Generale della provincia di Ascoli. Sono disponibili circa 15 posti per aderire all’iniziativa tramite prenotazione on line attraverso il sito www.progettoairlab.it/giornate.

 

Nelle due giornate verrà proposto un percorso strutturato in diversi step, che prevede accoglienza, esame spirometrico (un semplice test che valuta la funzionalità respiratoria), colloquio con il pneumologo sui risultati emersi, e successivamente un colloquio con il fisiatra (il dottor Fioroni) e fisioterapisti al fine di fornire un inquadramento della patologia respiratoria e del suo trattamento.

 

Nell’occasione i pazienti riceveranno anche materiali informativi con consigli utili per preservare il benessere dell’apparato respiratorio, tra cui un focus specifico sul rapporto tra respirazione e nutrizione.

 

Le Giornate “airLAB” rientrano nell’iniziativa diffusa su tutto il territorio italiano, con ben 39 Giornate realizzate nel 2022 che hanno visto il coinvolgimento di oltre 1.700 pazienti.

 

Il progetto, che ha ricevuto l’egida delle principali società scientifiche in ambito respiratorio, AIPO (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri) e SIP (Società Italiana di Pneumologia), e delle Associazioni Pazienti FederASMA e ALLERGIE, Respiriamo Insieme e Associazione Italiana Pazienti BPCO ONLUS, è realizzato grazie al contributo non condizionante di Chiesi Italia, la filiale italiana del Gruppo Chiesi, da sempre impegnata nell’area respiratoria, con iniziative di informazione e sensibilizzazione rivolte ai cittadini per far conoscere le opportunità di prevenzione e incoraggiare una maggiore attenzione alla salute dell’apparato respiratorio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X