Quantcast
facebook rss

«Spegnere il Natale, vuol dire spegnere la speranza dei bambini e quindi il futuro» (Video e foto)

ASCOLI - Il sindaco Marco Fioravanti, affiancato dagli assessori comunali Vallesi e Volponi, ha tagliato il nastro del complesso che concorrerà, insieme alle luminarie, ad immergere la città nella magica atmosfera natalizia
...

 

 

di Maria Nerina Galiè

 

«Spegnere il Natale vuol, dire spegnere la speranza dei bambini e quindi il futuro». E’ questo il pensiero del sindaco di Ascoli, Marco Fioravanti, che insieme agli altri amministratori ha scelto di allestire anche quest’anno, la pista di pattinaggio ed il Villaggio di Natale, in piazza Arringo.

 

«Siamo al centro di una tempesta perfetta – ha aggiunto il sindaco (VIDEO), affiancato dagli assessori Monia Vallesi e Maria Luisa Volponi – per l’aumento vertiginoso del costo dell’energia. E far funzionale la pista ha dei costi esorbitanti. Ma non potevamo rinunciarci. Lo dovevamo ai ragazzi, i più provati dall’esperienza del Covid».

 

Hanno bisogno di divertirsi, i bambini di tutte le età, di immergersi nella magica atmosfera natalizia e senza dubbio aiuterà in tal senso l’allestimento del Villaggio, seppure il taglio del nastro è avvenuto sotto la pioggia, oggi 3 dicembre.

 

«Villaggio bagnato villaggio fortunato», ha esordito l’assessore Vallesi, organizzatrice del complesso, affidato alla “Brilli & Partners” di Perugia, e che vedrà alternarsi diverse iniziative: «Ci saranno la Casa di Babbo Natale, la giornata dei bambini, “Panettonissima”, cioè una gara tra i panificatori della città. Nel pomeriggio di oggi – sono ancora le parole di Monia Vallesi – ma anche in altre date, la street band allieterà le vie del centro.

 

Ci siamo guardati negli occhi ed abbiamo capito che non potevamo rinunciare alla pista e al villaggio. Cosa che è accaduta in diverse altre città italiane, proprio per il caro bollette. Sarà un bel Natale ad Ascoli. Un Natale per tutti».

 

La pista di pattinaggio sarà aperta, da oggi, tutti i giorni dalle ore 10 alle 22 fino all’8 gennaio compreso. La musica sarà abbassata durante le celebrazioni religiose del Duomo, accogliendo rispettosamente la richiesta del parroco don Luigi Nardi.

 

Aperto, da oggi, anche il mercatino con 30 casette e 25 espositori che proporranno diverse le categorie merceologiche.

 

Al via le luminarie, ma dal 7 dicembre come tradizione vuole.

 

Il ringraziamento, da parte del sindaco, è andato «a tutti gli sponsor che hanno contribuito a rendere possibile l’iniziativa, in particolare alla ditta “Panichi” di Ascoli, main sponsor e sempre molto vicina alle esigenze della città e dei cittadini». 

 

FOTOGALLERY

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X