Quantcast
facebook rss

Una produzione cinematografica su Cino Del Duca: il resoconto della “missione” parigina della delegazione marchigiana

RISCONTRI più che positivi dalla due giorni, nella capitale francese, dell'onorevole Giorgia Latini, accompagnata dall'assessore alla cultura della Regione Chiara Biondi, i sindaci di Ascoli e Montedinove, Marco Fioravanti e Antonio Del Duca. Ecco com'è andata  
...

 

 

Missione a Parigi per la valorizzazione della figura di Cino Del Duca e delle Marche. Su invito della “Fondation Simone et Cino del Duca”, l’onorevole Giorgia Latini, insieme con l’assessore alla cultura della Regione Marche, Chiara Biondi, i sindaci di Ascoli e Montedinove, Marco Fioravanti e Antonio Del Duca ha fatto tappa nella capitale francese.

 

Due giorni intensi di incontri istituzionali, volti ad approfondire e acquisire elementi informativi utili alla realizzazione di una produzione cinematografica sulla figura di Del Duca, e per rafforzare i contatti interculturali tra i due paesi.

 

«La storia di Cino Del Duca è una storia italiana. Quella di un uomo che da fattorino e venditore di dispense diventa uno degli editori di più grande successo in Italia e in Europa. La vita di Cino Del Duca merita di essere raccontata e messa a disposizione, specialmente delle nuove generazioni, perché il suo, oggi più che mai, è un esempio da seguire», afferma l’onorevole Giorgia Latini, vicepresidente della Commissione Cultura della Camera.

 

La delegazione ha avuto modo di incontrare l’ambasciatrice italiana in Francia, Emanuela D’Alessandro. «Ci ha accolto a cena presso l’ambasciata confermando la collaborazione per questo progetto culturale che vuole essere un ponte tra due nazioni, Italia e Francia. La ringrazio per la meravigliosa accoglienza», aggiunge l’onorevole Latini.

 

Non si tratta soltanto di una produzione cinematografica e televisiva col fine di raccontare una figura fondamentale per la cultura dei due Paesi, ma di un’opportunità di valorizzazione.

 

«Il settore è strategico: mette in risalto l’immagine del territorio e funge da moltiplicatore di investimenti – prosegue -. Stiamo assistendo ad una rivoluzione per il cinema marchigiano con 16 milioni di euro da investire (cifra quintuplicata rispetto al passato). Risorse che nella nostra regione non hanno precedenti. Siamo orgogliosi di poter mettere a frutto tante nuove idee».

 

A Parigi incontri anche con l’ambasciatore e delegato permanente dell’Italia presso l’Unesco Massimo Riccardo, il vicedirettore Unesco, Stefania Giannini.

 

«E’ stata l’occasione per fare il punto sulla candidatura delle Marche come Regione dei Teatri e sulle prossime candidature italiane», sottolinea l’onorevole Latini.

In agenda altri tavoli istituzionali al ministero dell’Europa con la consigliere per gli affari europei Lina Pamart, il consigliere per la cultura, la cooperazione e la francofonia Hubert Tardy-Joubert, e Marguerite Hitier, a capo della task per i media e il cinema.

 

«Per la Regione Marche gli incontri istituzionali di questi giorni – annota l’assessore regionale alla Cultura, Chiara Biondi – sono non solo propedeutici alla realizzazione di un racconto cinematografico sulla straordinaria figura di Cino del Duca, ma rappresentano l’intenzione di stabilire un asse tra Italia e Francia che si va a consolidare attorno alle strategie culturali.

Con l’Ambasciatore e Delegato Permanente dell’Italia presso l’Unesco, Massimo Riccardo, abbiamo per esempio avuto un confronto sul percorso di candidatura delle Marche come Regione dei Teatri e ci sono tanti altri temi al vaglio.

I rapporti fra questi due Paesi possono essere molto preziosi per la nostra Regione, certamente sono l’occasione per farci conoscere meglio all’estero e stabilire importanti partnership internazionali».

 

«Non posso che essere felice per la realizzazione di un prodotto cinematografico sulla figura di Cino Del Duca», dichiara il sindaco di Ascoli, Marco Fioravanti.

 

«Lo stadio della nostra città è intitolato proprio alla memoria del celebre imprenditore, oltre a quella del fratello Lillo, e vi è anche una via cittadina che tiene vivo il ricordo di Cino Del Duca. Grazie alla Superangeli 2 e alla Regione Marche, con l’ex assessore alla cultura Giorgia Latini, oggi vicepresidente della commissione Cultura alla Camera, e l’attuale assessore regionale Chiara Biondi, si accenderanno i riflettori su un uomo che ha operato in Italia e in Francia, svolgendo un’attività filantropica e di sostegno alla cultura in entrambi i Paesi.

Ribadisco allora la mia felicità per questa produzione cinematografica, che metterà in luce anche le bellezze artistico-culturali del nostro Comune e di quello di Montedinove».

 

«Un grande successo: è stata l’occasione per poter consolidare i rapporti con la Fondation Simone et Cino Del Duca e rafforzare – sottolinea il sindaco di Montedinove, Antonio Del Duca – il comune intento di preservare la memoria di Simone e Cino, due figure chiave per il dialogo culturale tra Italia e Francia.

Cino Del Duca nato a Montedinove è stato un grande editore filantropo che avuto interessi anche nel mondo del cinema e dello sport, l’Ascoli Calcio ne è la testimonianza più importante.

Credo che per il Comune di Montedinove, ma per l’intera regione Marche e l’Italia, in virtù del patto del Quirinale che vede i due Paesi impegnati per lo sviluppo comune di progetti anche culturali, sia una grande opportunità per sviluppare progetti condivisi e far conoscere questo importante italiano di origini picene.

Ringrazio l’ambasciatrice italiana Elisabetta D’Alessandro, la direttrice generale della Fondazione Camille Bouvier, l’onorevole Giorgia Latini per aver coordinato la delegazione italiana l’assessore regionale alla cultura Chiara Biondi, la dirigente Daniela Tisi, il sindaco Fioravanti, la discendente dei Del Duca Mara Benvenga e la produttrice cinematografica Paola Severini».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X