Quantcast
facebook rss

Confindustria: nuove opportunità di finanziamento, disponibili 22 milioni di euro

ASCOLI - Per imprese manifatturiere già localizzate o che intendono localizzarsi nei Comuni di "Piceno Consind". Il presidente Simone Ferraioli: «Ma per l'area sisma occorre un innalzamento del plafond de minimis». Mercoledì 11 gennaio un webinar con il coinvolgimento dell'Agenzia per la Coesione Territoriale e Invitalia
...

Sono in arrivo importanti risorse finanziarie – oltre 22 milioni di euro – per supportare gli investimenti delle imprese manifatturiere già localizzate o che intendono localizzarsi nei Comuni di competenza del “Piceno Consind”.

 

Simone Ferraioli

Per questo motivo Confindustria Ascoli organizza un webinar mercoledì 11 gennaio alle ore 15, che vedrà il coinvolgimento dell’Agenzia per la coesione territoriale e di Invitalia.

 

Infatti, in attesa di conoscere gli esiti delle istruttorie di Invitalia e di Unioncamere relativamente alle richieste di contribuzione a valere sul Pnrr Sisma, il prossimo 24 gennaio l’Agenzia per la coesione territoriale aprirà lo sportello per l’assegnazione dei fondi stanziati dall’articolo 1, comma 200 della legge di bilancio 2021 (legge 178 del 2020) e finalizzati a contrastare i fenomeni di deindustrializzazione ed impoverimento del tessuto produttivo nei perimetri del Consorzio Industriale del Lazio e del Consorzio per il nucleo di industrializzazione (Consind) di Ascoli. I contributi a fondo perduto possono arrivare fino al 100% delle spese ammissibili e devono essere sostenute dal 30 novembre 2021 al 31 dicembre 2023. Saranno agevolabili l’acquisto di macchinari, impianti, arredi, attrezzature e altri beni, anche immateriali, e la realizzazione di opere murarie e impiantistiche strumentali.

 

«Il bando si posiziona temporalmente tra la batteria di misure agevolative del Fondo Complementare Sisma, esauritasi nel mese di novembre, e la nuova programmazione dei fondi strutturali europei della Regione Marche che partirà tra qualche mese – afferma Simone Ferraioli, presidente di Confindustria Ascoli – l’intervento dell’Agenzia per la coesione territoriale rappresenta un’importante opportunità per contribuire alla realizzazione dei programmi di sviluppo del sistema produttivo locale oggi pesantemente colpito da un incremento senza precedenti del costo delle materie prime e da un drastica riduzione dei margini operativi».

 

«Una boccata di ossigeno tuttavia largamente limitata dal vincolo del plafond “de minimis” che, soprattutto nell’area del cratere sismico, è oramai saturo per moltissime aziende. Per questo stiamo lavorando con il team di finanza agevolata di Confindustria Ascoli e Confindustria Servizi – aggiunge Ferraioli – non solo per informare ed accompagnare gli imprenditori nella predisposizione delle domande di finanziamento con un nostro sportello ad hoc, ma anche per stimolare la riflessione a livello nazionale sul necessario ed urgente innalzamento della soglia nel cratere, già a partire dal 2024».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X