Quantcast
facebook rss

Cagnolino preso a bastonate, è in fin di vita

DALLE MARCHE - E' accaduto a Fermo. Il cane di nome Tiricchio è ricoverato in una clinica veterinaria in gravissime condizioni. Dopo l'aggressione avvenuta nel quartiere San Girolamo, sono intervenuti gli agenti della Polizia locale. C'è una denuncia su cui le divise stanno lavorando
...

Il cagnolino Tiricchio (foto dalla pagina Fb “Movimento Animalista del Fermano”)

E’ stato preso a bastonate e ora è ricoverato, in fin di vita, con il cranio fracassato.

Il piccolo “Tiricchio” cagnolino di 12 anni, lotta tra la vita e la morte.

Qualcuno, infatti, lo scorso 30 dicembre, lo ha preso a bastonate facendolo finire in coma.

 

Tiricchio, cagnolino di piccola taglia, stava girovagando di sera, come fa da sempre, in zona San Girolamo, a Fermo, dove abita il suo anziano padrone, quando si è fermato per fare la pipì, sembrerebbe su un sacchetto dell’immondizia. A quel punto un uomo gli si è avvicinato e, brandendo un bastone, avrebbe iniziato a colpire l’animale. Questo almeno stando ad alcune testimonianze. Colpi su colpi che hanno ridotto, si diceva, il cagnolino in fin di vita.

 

Non appena hanno notato quella raccapricciante scena, due ragazzi si sono precipitati in soccorso di Tiricchio e, dopo aver  allontanato l’uomo, hanno subito trasportato l’animale in una clinica veterinaria dove al momento è ancora ricoverato in gravissime condizioni.

 

Le ferite riportate e l’età dell’animale, gli lasciano poche speranze ma tutti, a San Girolamo, incrociano le dita per lui e per il suo anziano padrone visibilmente scosso e disperato per il suo amico a quattro zampe, un amico di sempre. L’uomo non riesce, comprensibilmente, a darsi pace per quanto accaduto.

 

Sul posto, allertati da alcuni passanti, sono intervenuti gli agenti della Polizia locale che, a seguito di denuncia, si sono messi al lavoro per cercare di ricostruire in ogni minimo dettaglio l’inquietante episodio. In caso di conferma di maltrattamento di un animale con crudeltà e senza necessità, si rischia anche la reclusione da tre mesi a un anno e sanzioni da 3 a 15.000 euro che aumentano in caso di morte dell’animale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X