facebook rss

Decreto Alluvioni: audizione del presidente di Camera Marche Gino Sabatini

ALLA COMMISSIONE Ambiente della Camera dei Deputati, a distanza di meno di un anno dalla calamità che si abbattè soprattutto sulle province di Ancona e Pesaro Urbino provocando vittime, feriti e 2 miliardi di euro di danni
...

L’audizione di Sabatini

 

Oggi mercoledì 21 giugno il presidente di Camera Marche Gino Sabatini è intervenuto in audizione in Camera dei Deputati, all’VIII Commissione Ambiente. A Roma si è dibattuto del “DL Alluvioni”, a distanza  di meno di un anno dalla disastrosa alluvione che ha colpito le Marche lo scorso anno, in particolar modo le province di Ancona e Pesaro Urbino, provocando vittime, feriti e danni per 2 miliardi di euro e a poche settimane dagli ultimi terribili eventi che hanno interessato in larga parte la Romagna e le zone emiliane ma anche, di nuovo, la provincia di Pesaro Urbino.

 

Il presidente della Camera di Commercio delle Marche ha contribuito all’approfondimento sugli interventi necessari che la Commissione sta svolgendo soffermandosi, con dati alla mano, sulla rilevanza del territorio marchigiano colpito dall’alluvione dal punto di vista dell’economia regionale e nazionale.

 

«Gli ultimi eventi hanno colpito particolarmente 7 Comuni marchigiani” – ha spiegato Sabatini – inseriti nell’allegato al Decreto Legge di cui oggi si discute tra cui anche Pesaro e Urbino, quasi il 7% del territorio regionale, abitato da più di 187.000 persone, cioè il 13% della popolazione delle Marche. Inoltre, riteniamo opportuno valutare l’allargamento dell’area interessata anche ai Comuni limitrofi, in quanto sia le imprese che i cittadini sono stati coinvolti direttamente da questo evento, secondo le verifiche in corso della Regione Marche».

 

ALCUNI NUMERI PER TRACCIARE E CAPIRE L’ECONOMIA DEI TERRITORI MARCHIGIANI COLPITI

 

Secondo le stime di Unioncamere e del Centro Studi delle Camere di Commercio Guglielmo Tagliacarne, nel 2020, il valore aggiunto, cioè la ricchezza creata dai 7 Comuni marchigiani colpiti da quest’ultima alluvione, ammontava a 5,3 miliardi di euro, il 15 per cento di tutto il valore aggiunto regionale. Un dato sottostimato a causa della pandemia che si attesta in realtà su più di 6 miliardi di euro.

 

Nei territori colpiti l’industria rappresenta quasi il 21% del valore aggiunto ma sono i servizi a rappresentare oltre il 74% della ricchezza prodotta, con una particolare vocazione di queste zone nelle attività legate all’architettura, all’immobiliare e alla produzione di software rispetto alla media regionale.

 

IL LAVORO

 

Va sottolineato che l’area alluvionata fa parte di una provincia, quella di Pesaro e Urbino, che trae una forte linfa economica dal sistema produttivo culturale e creativo. Dai dati Unioncamere-Infocamere risultano più di 22.000 unità locali attive nei 7 Comuni considerati, che danno occupazione a oltre 67.000 persone.

 

«Ci sono settori che trovano proprio all’interno di questa area alluvionata buona parte dei propri insediamenti produttivi dell’intera regione delle Marche. In particolare, ne cito tre: la fabbricazione di mobili, la fabbricazione di macchinari ed apparecchiature e le attività di servizi per edifici e paesaggio.  Questi tre ambiti nel loro insieme assorbono 10.500 addetti. Stiamo parlando di circa il 27% degli addetti rispetto al totale regionale»ha evidenziato Sabatini.

 

LE COMPETENZE DISTINTIVE

 

Nelle Marche ci sono poi numerose “nicchie” di attività economica, cioè attività economiche molto specifiche, ma che di fatto vedono proprio le aree alluvionate come un polo significativo a livello nazionale. Alcuni numeri per dare l’idea:

 

  • L’11% di tutti gli addetti italiani della Fabbricazione di mobili per cucina si collocano nelle aree alluvionate delle Marche;
  • Quasi il 9% di tutti gli addetti italiani della Fabbricazione di altre macchine utensili si collocano nelle aree alluvionate delle Marche;
  • Il 7% di tutti gli addetti italiani della Produzione di alluminio e semilavorati si collocano nelle aree alluvionate delle Marche.

 

Per raccontare bene il territorio marchigiano e nello specifico quello colpito, un particolare riguardo va alla presenza artigiana. Anche qui, secondo le valutazioni di Unioncamere-Centro Studi Tagliacarne quasi il 10% del valore aggiunto prodotto dall’area deriva dall’artigianato a fronte di una incidenza media nazionale 3 punti percentuali più bassa. A questo comparto si deve il 15% dell’occupazione del territorio (a fronte dell’11% nazionale).

 

L’EXPORT

 

Ancora Sabatini: «Abbiamo appena chiuso i lavori durati cinque giorni della Convention mondiale delle Camere di Commercio Italiane all’estero, per la prima volta nelle Marche, dove si sono tenuti anche numerosissimi incontri b2b con le imprese. Anche qui parlano i numeri: dai dati Istat sulle imprese esportatrici, nella porzione di territorio marchigiano colpito dall’alluvione ci sono 527 imprese esportatrici per un valore dell’export di 1,4 miliardi di euro».

 

LE INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DELLE MARCHE

 

Sabatini ha ricordato le  misure che sono state prontamente attivate all’indomani dell’alluvione di settembre e che riteniamo di estendere anche a quelle di maggio 2023 riguardano essenzialmente due linee: «La prima finanziata da Camera delle Marche  e Regione  fornisce adeguate garanzie tramite i confidi regionali all’accensione di prestiti per investimenti di ripristino e rilancio delle strutture produttive. La seconda, finanziata da Camera delle Marche ed Unioncamere attraverso il Fondo Perequativo, consiste in un abbattimento fino al 50% degli oneri sostenuti dalle imprese per acquisto di dispositivi di protezione e prevenzione del rischio climatico e per contratti di assicurazione per danni da eventi climatici».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X