facebook rss

Bandiera Blu, consegnata ai balneari insieme al vademecum della raccolta rifiuti

GROTTAMMARE - Intanto, alla foce del torrente Tesino, una ditta incaricata sta separando, al fine di riutilizzare per il ripascimento dell’arenile, la sabbia da altri materiali 
...

 

È partita dal lungomare sud di Grottammare la consegna della Bandiera Blu  2023 ai concessionari di spiaggia.

 

Ritirata lo scorso maggio a Roma, dovrà essere esposta su ogni stabilimento balneare a testimoniare, per il 25esimo anno consecutivo, il percorso di miglioramento che investe misura pubblico e privato.

L’obiettivo della Foundation for environmental education, nell’assegnare le Bandiere Blu, infatti, è quello di spingere verso un turismo sempre più sostenibile, in cui la qualità dei servizi si accompagni al rispetto dell’ambiente, verificando che, su questo punto, l’attenzione degli enti concorrenti sia alta e continua.

Per questo motivo, la delegazione, composta dall’assessore alla Sostenibilità ambientale, Alessandra Biocca, dall’operatrice dell’Ecosportello Morena Capriotti e dal responsabile territoriale di Picenambiente Gabriele Fabi, sta provvedendo anche alla consegna del vademecum della raccolta rifiuti estate 2023, contenente il calendario e le modalità di conferimento a cui tutte le attività commerciali – stabilimenti e alberghi – presenti sul lungomare dovranno attenersi.

 

«La raccolta differenziata – afferma l’assessore Alessandra Biocca – parte dalla volontà e dalla necessità di salvaguardare il mare e proteggere l’ambiente e il nostro litorale.

Un obiettivo che passa attraverso la sensibilizzazione di cittadini, turisti ed operatori del comparto ad un uso responsabile della spiaggia, attraverso comportamenti corretti, per vivere l’estate non solo come mare, spiaggia e sole ma anche nel rispetto dei luoghi».

 

Il conseguimento della Bandiera Blu 2023 verrà festeggiato il 14 agosto, in piazza Kursaal, con un programma di intrattenimento che prevede l’esibizione di sbandieratori e fuochi di artificio.

 

Intanto, alla foce del torrente Tesino, una ditta incaricata dal servizio Ambiente sta eseguendo la vagliatura dei rifiuti spiaggiati.

 

L’attività consentirà di separare, e quindi riutilizzare per il ripascimento dell’arenile, la sabbia da materiali di ogni genere portati a terra dalle mareggiate. Rifiuti che, grazie a questa attività, non finiranno nella raccolta indifferenziata (con un aggravio dei costi di smaltimento), ma saranno a loro volta separati e conferiti correttamente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X