facebook rss

Quando la pesca sportiva rigenera il corpo e la mente

ASCOLI - L'obiettivo di "Insieme con la pesca" organizzata al laghetto di Cavignano dall'associazione "La Meridiana" di Roberto Zazzetti in collaborazione con l'Unione nazionale Enelcaccia pesca e tiro
...

 

“La pesca sportiva rigenera corpo e mente, soprattutto se fatta con amore” è stato l’obiettivo e anche lo slogan dell’iniziativa “Insieme con la pesca” che si è svolta al laghetto di Cavignano (Folignano) organizzata dall’associazione “La Meridiana” di Ascoli di Roberto Zazzetti in collaborazione con l’Unione nazionale Enalcaccia pesca e tiro.

 

Un pomeriggio dedicato alle persone con disabilità, all’insegna della pesca e dell’inclusione, immersi nella natura del nostro territorio. L’appuntamento, giunto alla terza edizione, ha confermato anche la volontà dell’Amministrazione comunale di Ascoli di portare avanti diversi progetti dedicati all’inclusione e allo sport, senza alcun limite.

 

«Si rinnova ogni anno – dice l’assessore comunale ai Servizi sociali Massimiliano Brugni – il presidente de “La Meridiana” Roberto Zazzetti è da sempre un vulcano di idee e come Amministrazione cerchiamo di dare il nostro contributo per rendere la nostra città sempre più inclusiva e a portata di tutti. Stiamo cercando sempre di più di allargare le progettualità che riguardano le diverse attività a 360 gradi nell’ambito della disabilità, in collaborazione con l’assessore  allo sport Nico Stallone».

 

Le iniziative rivolte ai disabili non sono finiti qui. «Cerchiamo di porre un’attenzione particolare sulla disabilità. Su input anche del sindaco Marco Fioravanti – aggiunge Brugni – in questo periodo di vacanze abbiamo messo a disposizione delle “settimane estive” gratuite destinate alle persone con disabilità gravissime fino ai 35 anni di età. Abbiamo già le prime adesioni, oltre quaranta. Siamo il primo Ambito Territoriale Sociale delle Marche a predisporre strumenti di aiuto alle persone con disabilità gravissime. Siamo molto contenti».

 

Soddisfazione anche da parte di Roberto Zazzetti: «Ringrazio l’Enal Pesca e ai ragazzi che gestiscono il laghetto di Cavignano, accessibile a coloro che hanno disabilità. La forza di queste iniziative  è sicuramente la presenza dei ragazzi che sono l’anima della nostra associazione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X