facebook rss

Pronto il progetto di Piazza San Pio X, Antonio Spazzafumo: «Orgogliosi di questo risultato» (Le foto)

SAN BENEDETTO - La superficie mista, tra verde e pavimentato, si estenderà per 5.400 metri quadrati. La piazza vera e propria, a differenza di quanto pensato in passato, verrà realizzata in adiacenza alla parrocchia
...

Il rendering della futura Piazza San Pio X

 

di Giuseppe Di Marco

 

Il progetto per la futura Piazza San Pio X è stato approntato: ad illustrarlo, nella mattinata del 10 ottobre, sono stati i referenti dell’Amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Antonio Spazzafumo, gli assessori Tonino CapriottiBruno Gabrielli, i consiglieri Fabrizio CapriottiUmberto Pasquali, nonchè il dirigente Mauro Bellucci e il funzionario Gionni Tiburtini.

 

La principale novità riguarda la dislocazione dell’area: questa sarà realizzata in adiacenza alla parrocchia, mentre la strada sarà spostata ad ovest: questa si ricollegherà con un breve braccio a Via Togliatti per sbucare alla Rotonda ai Caduti di Nassiriya. La piazza si estenderà su una superficie di 5.400 metri quadrati; per realizzare questa prima parte del piano particolareggiato la ditta Arcadia61 investirà 1,8 milioni, mentre il Comune spenderà 690.000 euro per rifare i sottoservizi.

 

«Questa piazza aspetta di essere fatta da oltre 40 anni – ha detto Spazzafumo – Il progetto guarda molto al green e la parte privata ha soddisfatto le nostre esigenze, quindi siamo orgogliosi di essere riusciti a portare a termine questo percorso». «Un’amministrazione non deve mai porsi in rottura con il passato – ha aggiunto il vicesindaco Capriotti – ma agire all’insegna della continuità».

 

«Riusciamo a chiudere un cerchio molto importante – ha concluso Gabrielli – questo lavoro non era richiesto solo dal quartiere, ma da tutta la città, in quanto si andrà a formare uno spazio pubblico di cui tutti potranno usufruire. A distanza di due anni è un altro obiettivo che l’amministrazione Spazzafumo può vantare, dopo aver sentito tante volte che non sapevamo dove dirigerci. Noi procediamo con i fatti, preferiamo rispondere non con le parole, ma con gli atti concreti. Ora dobbiamo fare in modo tale da completare le opere pubbliche nel più breve tempo possibile. Questa è solo una parte del piano particolareggiato, dobbiamo promuovere lo sviluppo di tutto l’insediamento».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X