Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook rss

Il sindaco Luciani si difende in tv,
ma il Pd regionale lo gela in diretta

SPINETOLI - Tiene ancora banco il caso del corteo di domenica scorsa. Il primo cittadino va in tv, ma il suo partito si dissocia
...

Il sindaco Alessandro Luciani durante la trasmissione televisiva su La7

di Claudio Felicetti

«Io imbarazzato perché ho sfilato in corteo insieme a Casa Pound? Difendevo i miei cittadini del comitato spontaneo, gli esponenti di Casa Pound e anche della Lega si sono inseriti dopo nel corteo di protesta». Invitato alla trasmissione televisiva de La7 “Piazza pulita”, condotta da Corrado Formigli, il sindaco di Spinetoli, Alessandro Luciani (Pd), ha respinto ancora una volta le accuse di razzismo e di vicinanza alla Destra che gli erano state rivolte dopo la manifestazione di domenica scorsa a Pagliare, iniziativa organizzata da un comitato spontaneo civico contro il ventilato arrivo di 37 migranti da ospitare in una palazzina in via Tevere. «Siamo una popolazione accogliente – ha esordito il sindaco -, ma oggi i problemi sono quelli relativi all’istituzione nel territorio di Spinetoli di altri Cas (Centri di accoglienza straordinaria, ndr) per i migranti, che vengono decisi a nostra insaputa».

Ospiti della trasmissione e del dibattito, incentrati sul problema dell’immigrazione e sui rigurgiti di nazionalismo esasperato, oltre al sindaco Luciani, anche Tommaso Cerno, vice direttore di Repubblica, Maurizio Belpietro direttore de La Verità, la giornalista e conduttrice televisiva Mia Ceran, il sindaco di Cascina Susanna Ceccardi, l’europarlamentare del Pd Simona Bonafè. «I fatti sono diversi – ha risposto Luciani a Formigli – abbiamo già aderito a due Cas e due Sprar (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati, ndr), e abbiamo già presenti quasi 700 migranti regolari su una popolazione di 7.500 abitanti».

«Da cosa deve difendere i suoi cittadini?» ha chiesto a un certo punto Formigli al sindaco. «Dopo l’episodio di violenza sessuale accaduto ad Ascoli – ha risposto il primo cittadino – si è diffuso l’allarmismo anche a Spinetoli. Nel mio territorio non si sono verificati episodi del genere, ma quando si fanno i Cas, i sindaci non vengono avvisati, si trovano all’improvviso davanti al fatto compiuto». Tuttavia, durante la trasmissione Formigli ha annunciato che il Pd regionale, in una nota, si è dissociato dalla posizione del sindaco Luciani.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X