Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook rss

Tra le 100 eccellenze italiane
c’è anche Bruna Corradetti

ROMA - La giovane castignanese premiata a Montecitorio insieme al gotha nazionale della ricerca, dell'imprenditoria e degli artisti. Solo pochi giorni fa il riconoscimento come segretario della sezione scientifica Eutsm
...

Bruna Corradetti con l’editore Riccardo Dell’Anna

C’è anche Bruna Corradetti, la ricercatrice di Castignano di recente nominata alla guida della sezione scientifica della società europea per la medicina traslazione (Eustm) tra le 100 eccellenze italiane premiate a Roma. Corradetti è stata inserita come “giovane talento” nel volume dell’editore Roberto Dell’Anna, giunto alla terza edizione, in cui sono presenti personalità, aziende ed enti di eccellenza nel panorama italiano. Qualche nome? Innanzitutto i nomi sono stati accuratamente selezionati da un apposito Comitato d’Onore, presieduto da Franco Roberti, già procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo e la premiazione si è svolta, nella Sala della Regina in Palazzo Montecitorio, definito a pieno titolo per tale occasione “la casa degli italiani” da Antimo Cesaro, sottosegretario di Stato al Mibact, nel corso dei saluti istituzionali rivolti al nutrito pubblico che ha riempito la sala. Insieme a Corradetti, tra i premiati ci sono il generale della Guardia di Finanza Giorgio Toschi per il settore Forze dell’Ordine; il prefetto Bruno Frattasi per la Sicurezza; l’Ambasciatrice Mariangela Zappia per le Relazioni Internazionali; Roberto Moncalvo per l’Agricoltura; Lucrezia Reichlin per la Finanza; Giovanni Floris per il Giornalismo; Antonello Venditti per la Canzone; Gaia Trussardi per la Moda.
E ancora, tra le aziende, Automobili Lamborghini per il settore Icone; Lux Vide per l’Industria Cinematografica; Fincantieri per i Cantieri Navali; l’Interporto regionale della Puglia Spa per le Infrastrutture; Federmanager per le Associazioni Sindacali; Future Green per la Green Economy; Leonardo S.p.a. per l’Aerospazio. Tutti gli “eccellenti” hanno ricevuto la pigna in pietra leccese, “un prodotto artigianale – si spiega in una nota – in grado di esprimere simbolicamente la diretta continuità fra terra e cielo, pura immagine del ‘saper fare’ italiano che punta sempre più in alto”

Re.Pie.

Medicina rigenerativa e oncologia, ricercatrice di Castignano nel gotha


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X