Quantcast
facebook rss

Era un normale tamponamento,
ma fugge e viene arrestato

SAN BENEDETTO - E' accaduto durante la notte in via Gino Moretti. Nei guai un 40enne, accusato di resistenza a pubblico ufficiale, che si è rifiutato di seguire i Carabinieri in ospedale per i controlli
...
Tamponamento e fuga, con arresto finale. E’ quanto accaduto, in via Gino Moretti a San Benedetto, nella notte appena trascorsa. Qui, lungo la strada che costeggia il torrente Albula, poco prima delle due di notte, accade un normale incidente stradale: un automobilista, un 40enne residente in città, non frena in tempo e con la sa vettura tampona quella davanti, ferma al semaforo. 
I due scendono dalle rispettive auto, ma quando il tamponato – il quale intuisce che l’altro automobilista ha evidentemente “alzato il gomito” – chiama i carabinieri per i rilievi. Il 40enne capisce che forse non è il caso di aspettare i militari, risale in auto e cerca di allontanarsi. Fuga di breve durata.
I carabinieri raggiungono la vettura, la fermano e iniziano i controlli dei documenti. Niente da fare. L’automobilista non ne vuol sapere. Si rifiuta di “soffiare” per il controllo del tasso etilico, non ne vuol sapere di farsi portare nel vicino pronto soccorso ospedaliero per un prelievo del sangue, controllo per la droga, e infine oppone resistenza ai carabinieri. 
Insomma, il tamponamento finisce con le manette ai polsi del 40enne il quale, oltre a un processo per direttissima per resistenza a pubblico ufficiale, dovrà dire addio per non poco tempo alla patente poiché ha rifiutato i controlli. 
(epi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X