Quantcast
facebook rss

Illecito sportivo:
assolto l’ Avellino
che tira un sospiro di sollievo

CALCIO - Il Tribunale Federale ha prosciolto anche il Catanzaro dall'accusa di una combine il 5 maggio 2013. La Procura aveva chiesto retrocessione e punti di penalità nel prossimo campionato. L'Ascoli un pò ci sperava
...

 

Sospiro di sollievo per l’Avellino e tutti i suoi tifosi

Il Tribunale federale nazionale della Federcalcio ha prosciolto dall’accusa di illecito sportivo con responsabilità diretta e oggettiva, sia l’Avellino (serie B) che il Catanzaro (Lega Pro), accusate dalla Procura Federale – diretta da Giuseppe Pecoraro – di un tentativo di combine per la partita del campionato di serie C1 Catanzaro-Avellino del 5 maggio 2013.

Il Catanzaro era già salvo mentre l’Avellino, vincendo, avrebbe conquistato con un turno di anticipo la promozione in serie B. E così fu, perchè l’Avellino vinse 0-1 con una rete di Zigoni a 16 minuti dalla fine. L’inchiesta è nata da un’intercettazione telefonica fatta da Cosentino, ex presidente del Catanzaro, nell’ambito di una indagine della Procura della Repubblica di Palmi denominata “Money Gate” e che vedeva coinvolti – tra gli altri – entrambi i presidenti: Taccone dell’Avellino e Cosentino del Catanzaro, con i rispettivi direttori sportivi De Vito e Ortoli, nonchè il calciatore dei calabresi Russotto. Ma nella telefonata intercettata non si fanno nomi, nè precisi riferimenti alla partita, insomma è mancata una prova attendibile della presunta combine.

La Procura federale aveva chiesto per entrambe le società la retrocessione più un’ammenda  di 60.000 euro e 3 punti di penalità da scontare nel prossimo campionato, squalifica di 4 e 5 anni per i presidenti e i diesse, pesanti ammende per tutti. Possibile il ricorso della Procura in appello. L’assoluzione dell’Avellino nel primo grado del processo sportivo non è una buona notizia per l’Ascoli, in lotta per salvezza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X