Quantcast
facebook rss

L’Ascoli di G.B. Fabbri nel 1979
chiuse l’anno col botto
vincendo in casa della Juventus

CALCIO - Il memorabile 2-3 di 38 anni fa. Il 100° gol in serie A dell’ex Pietro Anastasi, l'autorete di Cuccureddu, il tris di Bellotto. Quel 4° posto finale resta il momento più alto della storia del Picchio
...

di Bruno Ferretti

Domenica 30 dicembre 1979, ovvero 38 anni fa. Una data storica perché l’Ascoli quel giorno conquistò una delle sue più grandi vittorie in serie A.

Il gol di Anastasi (coperto dal palo) segnato alla Juve al vecchio Comunale di Torino

Un successo davvero memorabile ottenuto a Torino contro la Juventus: 2-3. Altre volte, nei suoi 16 campionati di serie A, l’Ascoli ha sconfitto la squadra più titolata d’Italia, ma al “Del Duca”. Quella, invece, fu l’unica volta che si impose a Torino. L’Ascoli del compianto Giovan Battista Fabbri (più che un allenatore era un maestro di calcio) era una squadra validamente attrezzata in tutti i reparti che giocava molto bene e in quel campionato 1979-1980 andò oltre le migliori previsioni  classificandosi al 4° posto dietro Inter (vincitrice dello scudetto), Juventus e Torino.

Resterà il piazzamento migliore della storia bianconera. Il momento più alto in assoluto. Nonostante alcuni, come ad esempio la Panini nei suoi album, riportino un 5° posto.

Anastasi oggi 69enne

Ma vanno fatti i conti con la penalizzazione (retrocessione del Milan) e quindi con l’Ascoli che dal 5° posto effettivo salì ufficialmente al 4°. Altrimenti non si spiegherebbero lo scudetto assegnato qualche anno fa all’Inter seconda dietro la Juve penalizzata oppure – per restare in ambito ascolano – il 1° posto con conseguente promozione in B dell’Ascoli Picchio di Petrone nell’anno della penalizzazione del Teramo.

Mister G.B. Fabbri

Tornando al 1980, con il Pescara retrocessero in B il Milan e la Lazio penalizzati dalla giustizia sportiva per responsabilità nel calcio-scommesse. Il primo gol, che portò l’Ascoli in vantaggio dopo otto minuti, fu realizzato da Pietro Anastasi, il grande ex di quella partita. Fu il centesimo gol in serie A per il centravanti siciliano che, fra il 1968 e il 1976, nella Juve aveva vinto 3 scudetti realizzando 78 gol in 258 partite. La Juve pareggiò con il centrocampista Tavola, ma l’Ascoli chiuse in vantaggio il primo tempo grazie a un’autorete di Cuccureddu e nella ripresa fece tris con Bellotto, centrocampista con il vizio del gol. Nel finale la Juve ridusse le distanze con Cabrini, ma l’Ascoli riuscì a difendere il prestigioso successo.

Anastasi dall’album delle figurine

Il tabellino di quella indimenticabile vittoria in casa della Juventus.

JUVENTUS (4-4-2):  Zoff; Cuccureddu, Gentile, Scirea, Cabrini; Causio, Furino, Prandelli (6’st Fanna), Tavola;  Marocchino, Bettega. All.: Trapattoni. 

ASCOLI (4-4-1-1): Pulici; Anzivino, Scorsa, Gasparini, Boldini; Torrisi (39’st Trevisanello), Perico, Moro, Bellotto; Scanziani; Anastasi. All.: G.B. Fabbri.

Arbitro: Redini di Pisa.

Reti: 8’pt Anastasi (A), 17’pt Tavola (J), 34’pt autogol Cuccureddu (A), 22’st Bellotto (A), 36’st Cabrini (J).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X