Quantcast
facebook rss

Anziana “ripulita” dei risparmi
Dura condanna per la badante

ASCOLI - In pochi anni erano stati svuotati il conto corrente e il libretto postale per oltre 50mila euro di una donna in stato di infermità mentale. Condannata a due anni e tre mesi, disposto anche una provvisionale di 20mila euro
...

Aveva di fatto “svuotato” il conto corrente e il libretto postale di un’anziana donna ascolana per una cifra superiore a 55mila euro nel corso degli anni in cui invece doveva accudirla. Ma alla fine, una badante italiana è stata condannata a 2 anni e 3 mesi, oltre ad una provvisionale di 20.000 euro, per il reato di circonvenzione d’incapace continuato per diversi anni.

L’avvocato Mauro Gionni

La sentenza è stata emessa oggi pomeriggio  dal giudice del tribunale Marco Bartoli. I risparmi dell’anziana, assistita dall’avvocato Mauro Gionni, di fatto avevano preso il volo grazie ad una serie continua di prelievi da parte della badante che aveva anche evitato alla donna, in stato di infermità mentale, contatti con i parenti e con il mondo esterno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X