facebook rss

I lupi scendono di nuovo a valle
ed è un’altra strage di pecore

VALTESINO - L'attacco è stato sferrato nella notte tra sabato e domenica tra Castignano e Cossignano. Riesplode un fenomeno per il quale non si riesce a trovare una soluzione. L'allevatore intanto conta i danni. Sul posto i Carabinieri Forestali

Quattro agnellini sgozzati dai lupi nel dicembre 2017 nell’azienda Gasperi

di Andrea Ferretti

Ancora una strage di pecore, ancora un attacco dei lupi. Stavolta è accaduto sulla Valtesino, nella zona tra Castignano e Cossignano, non lontano dal fiume e dalla strada dove un allevatore della zona custodisce i suoi animali. La brutta sorpresa domenica mattina, quando l’uomo si è trovato di fronte a numerosi capi uccisi dalla ferocia dei lupi che hanno attaccato, come loro abitudine, nella notte tra sabato e domenica. Sconsolato per il danno economico subìto, non gli è rimasto che radunare tutti gli animali morti – pecore ma anche diversi agnelli molto giovani – e avvisare i Carabinieri Forestali che sono intervenuti per prendere atto di quanto accaduto.

Marco Ranelli nel 2014 con le sue pecore morte davanti la Prefettura di Ascoli in Piazza Simonetti

Non è la prima volta che nell’entroterra ascolano i lupi attaccano greggi di pecore. Ne sanno qualcosa l’azienda Stangoni di Venarotta il cui titolare nel 2014 perse circa 130 pecore nel giro di cinque mesi, oppure l’azienda di Marco Ranelli a Colle San Marco che, più o meno nello stesso periodo, trovò diverse pecore uccise nella vecchia cava. Le caricò su un trattore con cui raggiunse in segno di protesta (per rimborsi mancati o ritardati) la Prefettura in Piazza Simonetti, nel cuore di Ascoli. n’altra volta le scaricò nei pressi di Palazzo Arengo

In tempi molto più recenti due gli episodi alle porte di Ascoli. Pochi giorni prima di Natale a Campolungo nell’azienda di Antonio Ricciotti. Un mese prima, caso analogo nell’Azienda Gasperi a Rocca di Morro tra Folignano e Maltignano dove vennero sbranati diversi agnelli di una razza pregiata. In entrambi i casi è intervenuta anche Anna Casini la vice presidente della Regione Marche che è anche assessore alle Politiche agricole («ci sarà un regime semplificato per l’indennizzo già in vigore») e alcune associazioni di categoria come la Coldiretti secondo cui «gli allevatori sono in balìa degli animali selvatici». Sta di fatto che al momento il problema appare irrisolvibile.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X