Quantcast
facebook rss

Ascoli atteso da sedici finali
Possibile ritiro in vista del Cesena
Bellini rinnova il contratto a Giaretta

SERIE B - Il patron domenica a Frosinone non c’era. Ma questa mattina, deluso e preoccupato, ha tenuto a rapporto la squadra. Confermata la fiducia ai dirigenti. Venerdì ripartirà per il Canada
...

di Bruno Ferretti

Quale futuro attende l’Ascoli Picchio? Impossibile dirlo adesso con il campionato in corso e una classifica in bilico fra salvezza e retrocessione.  Se resterà in serie B – secondo l’auspicio del popolo bianconero – si potranno aprire nuove prospettive, viceversa in caso di retrocessione in Lega Pro (i tifosi facciano tutti gli scongiuri del caso) bisognerà ricostruire tutto da capo. E non sarà affatto facile. Tutto dipenderà dalla volontà del proprietario Francesco Bellini il quale un paio di mesi ha manifestato, attraverso un’intervista, l’intenzione di mettere in vendita l’Ascoli Picchio e addirittura di smontare la curva sud costruita in tubi innocenti. Ma poi Bellini ha cambiato idea annunciando – in occasione della presentazione del nuovo allenatore Cosmi – che resterà alla guida della società per altri due anni.

Bellini domenica scorsa non ha seguito l’Ascoli a Frosinone ed è probabile che abbia visto la partita in Tv. Ma questa mattina ha tenuto a rapporto squadra, staff tecnico e dirigenti. Dopo la sconfitta di Frosinone, che ha lasciato l’Ascoli al penultimo posto della classifica, il patron è apparso molto preoccupato. Passano le giornate (restano 16 partite) e l’Ascoli continua ad essere penultimo in classifica. La situazione si è fatta davvero critica anche se ancora non è compromessa perché sul fondo della classifica i distacchi sono ancora limitati. Per l’Ascoli da qui alla fine del campionato ogni partita avrà il valore di una finale, a cominciare da quella di sabato prossimo al Del Duca contro il Cesena degli ex Castori, Cacia e Chiricò.

L’amministratore unico non vedrà neppure quella perché ripartirà il giorno prima per il Canada causa impegni di lavoro. Parlando alla squadra Bellini ha esortato tutti a dare il massimo per questa partita e anche le prossime. La salvezza è un traguardo fondamentale per il futuro dell’Ascoli e ognuno deve dare il massimo per raggiungerlo. Non è escluso che l’Ascoli, in vista dell’importantissimo scontro diretto con il Cesena, vada in ritiro per prepararsi e concentrarsi meglio. Un po’ come è accaduto di recente, dopo la sconfitta a Vercelli e prima della partita di Novara dove l’Ascoli ha vinto.

Nel frattempo, secondo indiscrezioni raccolte, pare che Bellini abbia prolungato il contratto al diesse Giaretta di un anno, ovvero fino al giugno 2019. In questo caso la scadenza sarà la stessa di Cardinaletti. Insomma, piena fiducia di Bellini ai suoi dirigenti nonostante le ripetute contestazioni della tifoseria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X