Quantcast
facebook rss

William Scalabroni
ha onorato Ascoli
Non lo dimentichino le Istituzioni

ASCOLI - Diciottenne, prese parte al movimento partigiano. Fu anche imprigionato dai fascisti. Prezioso e instancabile collaboratore del Cai. Un esempio da portare nelle scuole
...

di Luigi Romanucci

24 febbraio 2018: è morto William Scalabroni. Una persona straordinaria. Un uomo che merita di essere ricordato con rispetto e ammirazione per le qualità e i valori di uomo e di cittadino che possedeva e che ha profuso, per quasi un secolo di vita. Generoso, ottimista, attivo, dinamico, mite d’animo e di stile moderato e modesto, impegnato in battaglie per migliorare la vita cittadina, e per la libertà e la democrazia.

William Scalabroni e Luigi Romanucci in una foto recente

Diciottenne prese parte al movimento partigiano, fu anche imprigionato dai fascisti. Ora era presidente onorario dell’Anpi provinciale. Dopo la fine della guerra rivolse i suoi interessi culturali, sociali, politici a difesa dell’ambiente, praticando, con gli amici, gli sport della montagna, a cominciare dalla Montagna dei Fiori ai Sibillini, di cui è stato uno strenuo difensore ed un promotore instancabile. Con le sue esperienze di “montanaro” è stato un prezioso e instancabile collaboratore del Cai.

Ha lasciato molti scritti delle sue memorie, in parte già raccolti in piccole pubblicazioni. Per la nostra città e per la nostra Provincia la morte di William è una perdita incommensurabile. Uomini come lui hanno fatto meritare a questa parte d’Italia due medaglie d’oro per la Resistenza, per la Libertà e per la Democrazia. Un concittadino che ha onorato Ascoli. Un cittadino da portare ad esempio nelle scuole. Un cittadino da ricordare anche nelle Istituzioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X