facebook rss

Ascoli-Notts County, 23 anni fa
nel mitico stadio di Wembley
la finale del Torneo Anglo-Italiano

CALCIO - Vinsero gli inglesi 2-1 (gol di Mirabelli) ma per i mille tifosi bianconeri sugli spalti del stadio di Londra fu grande festa. Il pensiero di tutti fu per il presidentissimo Costantino Rozzi scomparso da tre mesi. Un ricordo sempre emozionante

La squadra prima della partita. Da sinistra: il dirigente Gaspari, il capitano Zanoncelli, Bizzarri, Bierhoff, Favo, Marcato, Binotto, Mancuso, Benetti, Bosi, Mirabelli e Pascucci.

di Bruno Ferretti

Sono passati 23 anni da quel 19 marzo 1995 e il ricordo continua ad essere emozionante. Figuriamoci come poteva essere quel giorno. Un giorno indimenticabile per l’Ascoli Calcio e i suoi tifosi: in campo a Wembley, il più prestigioso stadio Europa, e fra i primi del mondo, per disputare una finale. La finale del torneo Anglo-Italiano. Avversaria l’inglese Notts County. Il torneo, che qualche dopo è stato interrotto, era riconosciuto dall’Uefa e metteva di fronte le squadre della serie B italiana e della Championship, ovvero il secondo campionato inglese dopo la Premier League. L’Ascoli aveva partecipato anche alle due precedenti edizioni del 1992-1993 e 1993-1994.

La copertina del libro “Quel giorno a Wembley” che per l’occasione venne realizzato dai giornalisti ascolani Bruno e Andrea Ferretti

Nel girone eliminatorio di bianconeri stavolta c’erano Wolverhampton e Tranmere Rovers (battute entrambe 0-1 in Inghilterra), Swindon Town (sconfitto 3-1 al “Del Duca”) e lo stesso Notts County (1-1 ad Ascoli) che poi ritrovò in finale. Nella semifinale tutta italiana i bianconeri, guidati da Orazi, eliminarono l’Ancona in uno storico doppio derby. Al “Del Duca”, nell’andata, i dorici di Perotti si imposero 0-1 con un gol del difensore Cornacchia e – convinti di qualificarsi – già pensavano alla trasferta a Londra. Pare che ad Ancona alcune agenzie turistiche cominciarono a ricevere, in largo anticipo, le prenotazioni per acquistare il pacchetto volo aereo-biglietto stadio-albergo. Fatto è che nella semifinale di ritorno l’Ascoli (sulla cui panchina era nel frattempo approdato Bigon al posto di Orazi) ribaltò il risultato vincendo 1-2 con una doppietta di Beppe Incocciati. Il secondo gol, decisivo, all’11’ del 1° tempo supplementare. Inutile il gol di Centofanti pochi secondi prima del fischio finale.

Sugli spalti di Wembley, quel 19 marzo 1995, c’erano 1.000 ascolani che fecero sentire il loro incitamento alla squadra anche se – ovviamente – i tifosi del Notts County, giunti d Nottingham, erano molti di più. Quando le squadre entrarono in campo, si schierarono e vennero suonati gli inni nazionali, l’emozione fu massima. Purtroppo non c’era Costantino Rozzi, il presidentissimo, scomparso tre mesi prima, nel dicembre 1994. Ma il pensiero di tutti andò inevitabilmente a lui. La comitiva bianconera era guidata dal fratello Elio, che aveva assunto il ruolo di Costantino, e dall’amministratore Mimì Gaspari, che organizzò magistralmente la trasferta nei minimi dettagli.

I tifosi dell’Ascoli sugli spalti di Wembley

L’allenatore Bigon (al ritorno in Italia rassegnò le dimissioni e la squadra venne affidata a Colautti il quale aveva iniziato la stagione prima di essere sostituito da Orazi) a Wembley schierò questo 4-4-2: Bizzarri; Pascucci, Benetti, Zanoncelli (31’st Menolascina), Mancuso (16’st Milana); Binotto, Bosi, Favo, Marcato; Mirabelli, Bierhoff. La partita finì male per l’Ascoli (quel giorno in maglia rossa perché il Notts County aveva gli stessi colori bianconeri): gli inglesi vinsero 2-1. Di Mirabelli il gol del momentaneo pareggio. Per l’Ascoli e i suoi tifosi fu comunque una festa. Indimenticabile. Aver disputato una finale a Wembey, al di là del risultato, resta un fiore all’occhiello nei 120 anni di storia bianconera. E l’emozione di quel giorno – per chi c’era – non potrà mai essere dimenticata.

Uno dei biglietti acquistati per assistere alla partita di Wembley

Il settore riservato ai supporter ascolani con gli striscioni “Sbn Maltignano” e “Settembre Bianconero”

Le squadre schierate in attesa degli inni nazionali

L’ingresso dei giocatori in campo

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X