Quantcast
facebook rss

La Samb si chiude a riccio:
allenamenti a porte chiuse
e silenzio stampa

SERIE C - In vista della decisiva sfida contro l'Albinoleffe decisioni prese da Capuano e dalla società. Andrea Fedeli parla in televisione: «E' fondamentale vincere domenica prossima. Con Capuano ho un buon rapporto,con lui interloquisco tranquillamente. Zironelli? Un buon allenatore»
...

Allenamenti a porte chiuse e silenzio stampa ad libitum. La  Samb si isola da tutto ciò che la circonda per preparare la decisiva gara interna con l’ Albinoleffe. La prima decisione è stata presa da Capuano che lontano da occhi indiscreti, questo pomeriggio al Riviera ha fatto svolgere il classico test con la formazione Berretti. Il silenzio stampa a tutti i tesserati, invece, è stato imposto dalla dirigenza e viene motivato da un comunicato stampa del club rossoblù.

Il presidente Franco Fedeli

«La S.S. Sambenedettese srl –si legge- comunica che a partire da data odierna, 26 aprile 2018, verrà adottato il silenzio stampa a tempo indeterminato al fine di tutelare i propri tesserati e non distogliere l’attenzione sull’unica cosa che conta: la voglia di vincere! Tutto ciò si rende necessario a seguito delle continue notizie false, tendenziose e fuorvianti pubblicate ormai con sistematicità da parte della stampa locale e da diversi portali d’informazione online che sembra abbiano come unico obiettivo destabilizzare l’ambiente piuttosto che informare. In un momento cruciale della stagione della Sambenedettese calcio, infine, certa satira mina quotidianamente gli equilibri interni e rende un’immagine distorta di quella che è la realtà».

Insomma il capro espiatorio è sempre la stampa cattiva e malevola. Ma meglio così, in questo modo si evita anche di rinfocolare le polemiche interne che ci sono e sono note a tutti e che non fanno altro che destabilizzare, queste si, l’ambiente. Sarebbe bastato solo scrivere un comunicato con le prime quattro righe, evitando la melensa e stucchevole tiritera delle notizie false e tendenziose. Se i giornali, carta stampata e on line, riportano certe notizie, per deontologia professionale si è obbligati a verificarne fonti ed attendibilità. Se nulla osta, allora si pubblicano. Se arrivano alla stampa da qualche parte debbono pure uscire ed avere fondamento. Stop.

Intanto però ieri sera l’amministratore delegato rossoblù Andrea Fedeli è intervenuto telefonicamente alla trasmissione di Vera Tv Qui Pro. «Nonostante la sconfitta di Pordenone –ha detto- abbiamo mantenuto fortunatamente il secondo posto in classifica. Sinceramente  ad inizio stagione non mi aspettavo questo posizione e se dovesse finire così bisognerà fare i complimenti a tutti. Ora con corsa e grinta bisogna battere l’Albinoleffe. Visto l’andamento attuale della Samb che ci vede balbettanti in trasferta tempo di più la gara di Trieste. Però i tre punti con i bergamaschi sono molto importanti perché ci permetterebbero  di avere in tasca almeno il terzo posto. Non credo, comunque, che il Padova mollerà la vittoria alla Reggiana ma tutto non deve prescindere dal nostro successo».

Eziolino Capuano

Su Capuano, Andrea Fedeli la pensa così. «E’ un allenatore preparato ma purtroppo per sua indole si inserisce su questioni societarie e di calciomercato che non sono di sua competenza. Il mio rapporto con lui è buono, interloquiamo tranquillamente. Per quanto riguarda mio padre, le critiche ci saranno sempre a prescindere dall’ allenatore che siede sulla panchina rossoblù. Spero che il rapporto tra i due cambi».

Sulle questioni Bacinovic e Zironelli (il tecnico del Mestre sembra essere in pole position per la panchina rossoblù nel prossimo campionato), Andrea Fedeli è esplicito. “Sulle scelte tecniche non ho mai messo bocca e mai lo farò. Se Bacinovic non è in grado di darci il contributo che ci aspettiamo da lui è giusto non convocarlo. Zironelli è un bell’ allenatore che sviluppa un gioco brillante per la categoria. Ma ora pensiamo solo a battere l’Albinoleffe».

Ed infine ecco la questione rinnovi. «Per me –spiega Andrea Fedeli- Miracoli è da tenere, ma il presidente non è convinto. A breve ci siederemo con Conson ed Esposito per definire la questione. Gli altri sono legati alla Samb da accordi pluriennali».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X