Quantcast
facebook rss

Il futuro della Whirlpool,
slitta l’incontro al Ministero:
summit il 17 maggio

COMUNANZA - Si allunga l’attesa per conoscere quale sarà la sorte dei dipendenti del gruppo. Posticipato di due settimane (doveva tenersi il 3 maggio) il summit di Roma tra azienda e sindacati. Non cambia l'obiettivo: salvare posti di lavoro
...

Si allunga l’attesa per conoscere quale sarà la sorte dei dipendenti Whirlpool di tutta Italia: è stato spostato al 17 maggio infatti l’atteso incontro tra i dirigenti aziendali e le rappresentanze sindacali al cospetto del Ministro per lo sviluppo economico, o chi per lui, in programma a Roma per domani 3 maggio.

Dal tavolo di confronto, soltanto rinviato, dovrebbe uscire un piano per salvare posti di lavoro, a rischio in tutte le unità produttive nazionali allo scadere del piano aziendale, sancito nella stessa sede romana ad aprile 2015 e che prevedeva il non licenziamento unilaterale fino a dicembre 2018.

Già tre anni fa erano emersi numerosi esuberi tra i lavoratori in forza agli stabilimenti italiani, molti dei quali smaltiti con pensionamenti maturati o incentivati in ragione degli ammortizzatori sociali messi in atto dal Governo. Nel triennio, la rassicurante strategia aziendale era di investire nell’innovazione di processo e prodotto, al fine di rilanciare i volumi e allontanare così l’ombra di un ulteriore snellimento dell’organico. Ad oggi però gli investimenti sono stati fatti in minima parte, il vento del mercato non soffia a favore e gli ammortizzatori sociali scadranno alla fine di quest’anno.

M.N.G.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X