Quantcast
facebook rss

«Ospedale unico, ci siamo
Castelli favorevole sin dal 2012»

INTERVISTA - Il sindaco di Offida Valerio Lucciarini commenta la decisione: «I tempi sono maturi, il nuovo Presidente della Conferenza dei Sindaci in grado di pianificare il percorso istituzionale a cui siamo chiamati»
...

di Renato Pierantozzi

Dopo la decisione della Regione di puntare sull’area al confine tra Spinetoli e Colli interviene il sindaco di Offida, Valerio Lucciarini che è anche il presidente dell’Unione dei Comuni della Vallata del Tronto. 

Sindaco, finalmente ci siamo? 

Valerio Lucciarini (foto Vagnoni)

«Sembra proprio di sì. D’altronde il Presidente Ceriscioli ha rappresentato questa determinata volontà di sostenere l’idea dell’ospedale unico sin dal primo minuto del suo mandato. Per la parte politica di cui faccio parte, già dagli inizi degli anni 2000 è stata rappresentata questa convinzione sulla necessità di un ospedale unico del Piceno. Si da seguito a quella impostazione che oggi è stata, prima rilanciata, poi pianificata».

Il sito scelto dall’algoritmo è il migliore possibile?

«È una soluzione logisticamente baricentrica per il territorio, che si poggia sulla sostenibilità viaria infrastrutturale ma senza mortificare le aree interne, in particolare la montagna e, anche a fronte degli ultimi eventi che hanno coinvolto questi territori, facendo riferimento alla calamita rappresentata dai sismi del 2016, ritengo che tale soluzione sia la più equilibrata».

Visto che l’area di Pagliare era in ballo anche nel 2004, il territorio non ha perso 14 anni mentre altre province come Fermo e Macerata sono più avanti?

«Era giusto far maturare questa idea. Probabilmente si, è passato troppo tempo ma io sarei più attento a non farne passare dell’altro piuttosto che guardare indietro. Ora c’è davanti a noi questo obiettivo alla portata; lavoriamo tutti, senza perdere tempo, affinché il percorso si avvii definitivamente attraverso le determinazioni dei formali percorsi necessari».

Il sindaco di Ascoli Guido Castelli ha mostrato contrarietà proponendo di investire sul Mazzoni e realizzare un nuovo plesso per San Benedetto, che ne pensa?

L’area localizzata al confine tra Colli e Spinetoli

«Io cerco sempre di stare agli atti: nella Conferenza dei Sindaci del dicembre 2012, svoltasi proprio ad Offida, Castelli approvó la proposta dell’Ospedale Unico del Piceno. Quella decisione assunta in conferenza dei Sindaci fu approvata ad unanimità e Castelli era presente. Anzi, il suo fu un intervento convinto a sostegno e senza vincolare la sua posizione ad una individuazione di uno specifico sito. Mi pare, tra l’altro, una posizione strumentale perché è chiaro che per arrivare all’Ospedale Unico i servizi sanitari sul territorio dovranno poter contare su un potenziamento complessivo, presidi ospedalieri del Mazzoni e del Madonna del Soccorso compresi. Solo così si regge la prospettiva di un ospedale di altissima specializzazione e anche su questo tema il Presidente Ceriscioli è stato sempre molto chiaro».

Come si procederà adesso in conferenza dei sindaci?

«Abbiamo un nuovo Presidente della Conferenza dei Sindaci in grado di pianificare il percorso istituzionale a cui siamo chiamati. Il Sindaco Angelo Flaiani ha già annunciato una riunione di conferenza in tempi stretti per addivenire ad una espressione motivata da parte delle istituzioni locali del Piceno».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X