Quantcast
facebook rss

Mazzumaja 2018, tutto pronto
«Il sisma non ci ha fermato»

COMUNANZA - Presentata la 10ma edizione della kermesse dedicata a cibo, musica e arte, in scena il 6-7-8 luglio. Il sindaco Cesaroni: «Il centro storico è zona rossa, onore ai ragazzi dell'organizzazione che si sono rimboccati le maniche dopo un anno di pausa forzata»
...

La presentazione di “Mazzumaja 2018”. Da sinistra, Pataccoli, Cesaroni, Meschini, Trobbiani, Prosperi e Simonelli

di Luca Capponi e Maria Nerina Galiè 

Un parco dedicato a cibo, degustazioni e musica, un decennale da festeggiare a dovere, un grande spazio dedicato all’arte, tre artisti top dell’indie rock nazionale; in una parola, anzi in due vista la metaforica aggiunta, Mazzumaja Reloaded.
Che di anni, a dire il vero, ne avrebbe compiuti 11, ma che il sisma non è riuscito a fermare nonostante l’indisponibilità del centro storico. Zen Circus, Ministri e Paletti: saranno loro ad animare la kermesse che terrà viva l’attenzione sul Parco della Rimembranza di Comunanza il 6-7-8 luglio. E questo, già, era ufficiale da un po’.

Gli Zen Circus

La vera novità, alla fine, è che i ragazzi dell’associazione omonima tengano una conferenza per presentare l’evento divenuto ormai punto di riferimento. E’ la prima volta che accade. Giusto però che anche loro si palesino, anche solo per incassare i complimenti per quanto realizzato in passato: Matteo Meschini (presidente), Pietro Pataccoli (coordinatore), Valerio Prosperi (direttore artistico), Tomasso Tobbiani (responsabile della logistica). Con loro, il sindaco Alvaro Cesaroni e l’assessore alla cultura Rita Simonelli e le due rappresentanti della “Via dell’Arte”: Anna Laura Fioravanti e Eleonora Tanucci.
«Per noi è un aspetto molto importante perché denota l’unità d’intenti con l’amministrazione comunale che, insieme a noi, ha voluto dare un forte impulso al ritorno di Mazzumaja» spiega Pataccoli. A cui fa eco Cesaroni: «Si tratta di un appuntamento profondamente radicato nel territorio, fa ormai parte della sua tradizione ed esprimo tutta la mia soddisfazione nel riproporlo dopo un anno di pausa. La vecchia location è zona rossa a macchia di leopardo. Si è resa necessaria una nuova ambientazione che però ha permesso agli organizzatori di creare un format innovativo che di sicuro sarà riproposto in futuro».

L’assessore Simonelli con Eleonora Tanucci e Anna Laura Fioravanti

E a proposito di format, dalla posizione sopraelevata del grande parco (oltre 7.000 metri quadrati), ecco le due macroaree principali dove si svilupperà la festa: il “Wine and Beer Garden” ad ingresso gratuito, regno di prodotti di altissima qualità e nuove proposte nel settore del finger-food, e la “Music Arena”, a cui si accede con l’acquisto del ticket, interamente pensata ed allestita per l’intrattenimento musicale con un grande mainstage a livello platea ma anche la possibilità di assistere alle esibizioni dai gradoni, ciascuno dei quali attrezzati con un D-Box a tema dedicato al beverage. Qui saranno protagonisti gli Zen (6 luglio) e i Ministri (il 7). Per il concerto di domenica 8 luglio con Paletti, ci si trasferirà al garden e l’ingresso sarà gratuito. Tutti e tre in esclusiva regionale.
«Un plauso ai ragazzi di Mazzumaja per non essersi scoraggiati. Al contrario si sono rimboccati le maniche e con grande impegno hanno ridefinito il programma, le ambientazioni e la struttura stessa dell’evento che, negli anni precedenti, ha portato in città tra le 12.000 e le 15.000 persone» aggiunge l’assessore alla cultura Rita Simonelli.
Ci sarà anche un terzo blocco nella zona piana al di sopra del parco, in zona nota come “la piana di magrì”, che ospiterà gli stand gastronomici veri e propri. Quest’anno molto importante sarà pure il filo conduttore dell’arte, con un progetto interamente dedicato alla street-art che prevede la realizzazione di un grande opera permanente di Andrea Tarli.

Un’opera di Andrea Tarli

Nei pressi dell’area sarà inoltre allestita una “Via dell’Arte” dove 10 giovani emergenti, 6 dei quali provenienti dall’Accademia delle Belle Arti di Macerata, avranno la possibilità di presentare le loro opere e far conoscere la loro tecnica con dei live; tutto realizzato in collaborazione con l’associazione Defloyd di Ascoli, si inserisce nel progetto “Arte Comune”. Non mancherà, poi, l’attenzione alle famiglie con un’animazione dedicata ai più piccoli che li accompagnerà nelle tre serate, mentre la domenica sarà la volta di spettacoli di strada e laboratori di murales x bimbi e ragazzi curati dalla cooperativa “Il Mentore“.
Nei pressi del parco sarà infine allestita un’area camping gratuita. Nel corso dell’ultima manifestazione, quindi quella del 2016, sono state ospitate ben 100 tende.
L’evento impegnerà un centinaio di ragazzi di Comunanza arruolati da tutte le associazioni cittadine.
I prezzi: 15 euro il singolo spettacolo del 6 o del 7 luglio, 23 euro i due insieme, 25 euro i due spettacoli insieme alla maglietta dell’evento. E’ stato pensato anche un biglietto sociale per i disabili dal costo di 6 euro a spettacolo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X