facebook rss

Dalla Regione dieci milioni di euro
per le borse lavoro
per i disoccupati “Over 30”

ANCONA - I progetti dovranno essere presentati dai Comuni e prevedono per i beneficiari un'indennità di 700 euro mensili (per 9 mesi) per 25 ore settimanali. Previste quasi 1.500 posti grazie ai fondi europei

Disoccupati “over 30”, arriva una nuova opportunità di lavoro da parte della Regione. E’ stato pubblicato l’avviso per il finanziamento di progetti presentati dai Comuni che prevedano l’inserimento di disoccupati over 30, per migliorare i servizi ai cittadini per quanto riguarda la salvaguardia del patrimonio ambientale, la valorizzazione dei beni culturali,  le attività ausiliarie di tipo sociale, le attività ricreative e quelle ad alto contenuto innovativo.

Loretta Bravi

I soggetti inseriti nell’intervento, circa 1450 secondo le previsioni,  saranno retribuiti  con un’indennità pari ad 700 euro mensili per un’attività lavorativa pari a 25 ore settimanali  per un durata di nove mesi. A disposizione 10 milioni di euro in tre anni nell’ambito della priorità di investimento 8.i del POR FSE 2014/2020. «Si tratta – spiega l’assessore al Lavoro e alla Formazione Loretta Bravi – di un intervento sperimentale particolarmente importante  che rappresenta un’opportunità per il territorio. E’ infatti necessario, in questo lungo periodo di congiuntura economica, creare sinergie tra i Comuni per  migliorare i servizi ai cittadini e offrire a soggetti fuoriusciti dal mercato del lavoro,  la possibilità di un’opportunità lavorativa seppure temporanea che accresca le loro  conoscenze e competenze, riducendone così anche i tempi di inattività. I progetti presentati a valere sull’avviso pubblico devono quindi puntare ad innescare processi virtuosi di sviluppo locale, che migliorino in maniera duratura la qualità di vita della comunità locale, sperimentando nuove soluzioni e modalità di gestione al fine di affermare un modello di crescita basato  sull’innovazione e sulla qualità dei servizi. Ulteriore elemento caratterizzante di questo intervento è quello di intercettare e stimolare la capacità dei Comuni di programmare azioni di sviluppo dei propri territori che facciano leva sulla valorizzazione delle risorse locali, attraverso l’individuazione di forme di cooperazione per lo sviluppo dei nuovi strumenti di pianificazione».

I progetti possono essere presentati dai Comuni delle Marche in forma singola o in alternativa, da amministrazioni associate in accordo di Partenariato, costituito o da costituire successivamente all’ammissione a finanziamento, composto da più Comuni, con l’individuazione di un Comune, capofila di progetto, nonché referente nei confronti della Regione Marche.

I soggetti destinatari dell’avviso, sono i disoccupati ai sensi del D.Lgs n. 150/2015 iscritti presso i Centri per l’Impiego, l’Orientamento e la Formazione (Centro per l’impiego) con i seguenti requisiti:

  1. diplomati o laureati che hanno compiuto 30 anni di età (over 30) alla data di pubblicazione dell’avviso pubblico sul BURM;
  2. residenti nelle Marche. La residenza deve essere posseduta alla data di presentazione della domanda, non è sufficiente aver presentato al Comune l’istanza di residenza;
  3. non percettori di ammortizzatori sociali o di trattamenti pensionistici (tale condizione deve permanere per tutta la durata del progetto).

L’avviso pubblico  è consultabile nel sito della Regione Marche: http://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Lavoro-e-Formazione-Professionale/Bandi-di-finanziamento/id_9081/888.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X