facebook rss

Maturità, i consigli della psicologa
e gli alimenti da evitare

Pensieri positivi, sonno regolare e corretta alimentazione sono le armi vincenti per affrontare con successo la maturità, ormai alle porte, per 2.200 studenti di quinto superiore della provincia di Ascoli Piceno. Lo consiglia Coldiretti su cosa mangiare “sotto esame” e lo dice la psicologa Giulia Grilli, scrittrice e impegnata nei centri di ascolto di varie scuole del piceno.
«Per prima cosa è bene ricordare che dall’esame non esce un giudizio sulla persona – sostiene la Grilli – ma una valutazione delle competenze acquisite durante il percorso scolastico. Il risultato conseguito non andrà minimamente ad intaccare qualità e risorse proprie di ogni studente». Ciò non toglie che è un prova importante, dove la capacità di gestire le emozioni e lo stress giocano un ruolo fondamentale, aggiunge la dottoressa che precisa:

Giulia Grilli

«L’ideale sarebbe ‘lavorare in tempo di pace’, cioè allenarsi a pensare positivamente e alla fiducia nelle proprie capacità, prima di trovarsi nella fase critica». Ma adesso è ‘tempo di esami’ ed è utile scoprire intanto che il pensiero positivo e la fiducia poggiano sul “ricordo di piccoli successi ottenuti e di come sono stati superati fino ad ora problemi più o meno grandi». L’ansia è il peggior nemico dei maturandi, quindi ben venga l’invito di Giulia Grilli a rilassarsi sia durante lo studio, o il ripasso a questo punto, che nell’imminenza delle prove. «Il rilassamento riduce lo stress e favorisce la concentrazione. Mentre si studia, i ragazzi devono concedersi delle pause allontanando ogni senso di colpa pensando di perder tempo prezioso». Stessa regola vale per i genitori a cui la dottoressa raccomanda di non urlare dietro ai figli se chiudono per mezz’ora il libro ed escono a fare una passeggiata.
Una mente lucida, per dare il meglio, ha bisogno anche di un “buon sonno”, dice ancora la psicologa che denuncia «un vero e proprio allarme su questo argomento, perché fondamenti scientifici hanno dimostrato che i problemi di apprendimento e comportamento irritabile sono spesso riconducibili alla malsana abitudine di attardarsi nelle ore notturne con supporti tecnologici che stimolano al massimo il cervello». A maggior ragione devono astenersi da questa prassi i maturandi che la mattina dell’esame devo alzarsi di buon ora, svegli e reattivi. Meglio ancora se sostenuti da una sana alimentazione, suggerisce la dottoressa, supportata dalla lista di alimenti “promossi” o “bocciati” da Coldiretti nella dieta per gli esami di maturità.

Liceo Artistico Statale “Osvaldo Licini” (foto Vagnoni)

«Bocciato il caffè perché provoca eccitazione, ansia ed insonnia che fanno perdere concentrazione e serenità – si legge nella nota diffusa dall’associazione – promossa la frutta che aiuta a rilassarsi e a combattere il caldo. Pure da evitare patatine in sacchetto, salatini e cioccolata e, tra i condimenti, curry, pepe, paprika, sale in abbondanza e dado da cucina. Anche gli alimenti in scatola sono da tenere lontani, per l’eccesso di sodio e di conservanti. Effetti positivi nella dieta serale sono stati riscontrati da legumi, uova bollite, carne, pesce e formaggi freschi. La lattuga, cipolla e aglio conciliano il sonno per le loro spiccate capacità sedative. Bene anche un bicchiere di latte caldo, prima di andare a letto, che diminuisce l’acidità gastrica e fa entrare in circolo elementi che favoriscono una buona dormita. Infine – conclude la Coldiretti – un buon dolcetto di incoraggiamento, ricco di carboidrati semplici, ha una positiva azione antistress, così come infusi e tisane, dolcificati con miele. Creano un’atmosfera di relax, distendono la mente e la rendono più pronta a rispondere alle sollecitazioni degli esaminatori».

M.N.G.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X