facebook rss

Si lavora per riaprire la “Valfluvione”
Partiti 15 interventi post sisma

OPERAZIONE Provincia-Anas dall'importo di circa 1 milione e 387 mila euro: consentirà, una volta ultimato, di riaprire il collegamento diretto Montegallo-Arquata. Interessa anche i comuni di Acquasanta, Roccafluvione, Arquata del Tronto, Montemonaco e Comunanza

Tratto della strada Provinciale all’altezza di Tallacano (Acquasanta Terme) interessato dai lavori

Sono stati consegnati in settimana i lavori per la messa in sicurezza del versante, del corpo stradale e delle opere di sostegno della strada provinciale numero 89 Valfluvione. L’intervento, che rientra nel piano Anas-Provincia delle attività di ripristino post sisma, ha un importo complessivo di circa 1 milione e 387mila euro e consentirà, una volta ultimato, di riaprire il tanto atteso collegamento diretto Montegallo-Arquata. Il tratto interessato dal cantiere è quello va da Valle Orsara al chilometro 23+400 della provinciale 34 Forca di Presta.

Uno scorcio della Valfluvione nei pressi di Pretare

La Provincia si era impegnata a monitorare con grande attenzione lo stato dei lavori di competenza dell’Anas su questa arteria provinciale fondamentale per il comprensorio del Vettore e per tutta la zona montana con evidenti implicazioni turistiche, economiche ed ambientali.
Ieri sono inoltre iniziati numerosi lavori di manutenzione ordinaria, circa 15 interventi dell’importo di 40.000 euro nella zona uno di mobilità in cui sono suddivise le strade di competenza provinciale. L’area interessata dalle opere comprende gran parte del territorio montano, in particolare i comprensori di Acquasanta, Montegallo, Roccafluvione, Arquata del Tronto, Montemonaco e Comunanza.
Tra le attività previste vi sono la fornitura e posa in opera di nuovi guard rail, la pulizia delle zanelle, la realizzazione di nuovi tombini e spurgo di quelli esistenti, il taglio di piante danneggiate e potenzialmente pericolanti, nuove canalizzazioni per le acque reflue, apposizione di new jersey e sistemazione di muri di guardia e contenimento a confine delle strade provinciali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X