facebook rss

Verso il weekend delle bandiere,
la città invasa da 2.500 persone

ASCOLI - Nel prossimo weekend si svolgono i Campionati italiani giovanili sbandieratori e musici. Numeri da record: 40 gruppi, 850 ragazzi, 250 esercizi, 12.000 pasti. Il grande lavoro dei Sestieri. La collaborazione con Wap

La presentazione dei Campionati: con l’assessore Massimiliano Brugni, il sindaco Guido Castelli e il presidente della Quintana Massimo Massetti anche i rappresentanti dei sei Sestieri cittadini

di Andrea Ferretti

Quintana non solo suoni e colori, ma anche numeri. In questo caso sono quelli dei Campionati italiani giovanili sbandieratori e musici che nel prossimo weekend sono ospitati ad Ascoli. I gruppi partecipanti, provenienti da tutta Italia – compresi i sei dei rispettivi Sestieri ascolani – sono 40, i ragazzi/e e i bambini/e in gara (tutti under 16) sono 850, gli esercizi che saranno presentati nelle cornici di Piazza Arringo e Piazza del Popolo oltre 250. Campionati che in città porteranno qualcosa come 2.500 persone. Tradotto: 12.000 pasti di cui 2.500 nelle taverne di Sestiere (617 in tre giorni solo alla Piazzarola come ha ricordato il caposestiere Amedeo Lanciotti) che stanno già allestendo tavoli, pentole e fornelli.

L’assessore Brugni, il sindaco Castelli, il presidente Massetti

E ancora. E’ la decima volta che la Fisb (Federazione italiana degli antichi sports e giuochi della bandiera) fa tappa ad Ascoli dove, va ricordato, il presidente del Consiglio degli Anziani della Quintana (Massimo Massetti) è anche il vice presidente vicario della Fisb. Numero 10 che presto diventerà… 11, perchè l’8 luglio (giorno in cui si sfideranno i sei Sestieri nelle gare ascolane) ad Ascoli si svolgerà anche la “Tenzone Bronzea”, cioè il campionato nazionale centro-sud di Serie A3 organizzato dal Sestiere di Porta Tufilla. Ad Ascoli alloggeranno per due notti 16 gruppi. Gli altri hanno trovato posto in alberghi e bed & breakfast della vallata del Tronto, della costa e del vicino Abruzzo. La presentazione ufficiale è avvenuta nella sede della Quintana a Palazzo Arengo, che presto tornerà ad ospitare anche l’Ufficio Quintana che è stato dirottato a Palazzo dei Capitani. Presenti, oltre a Massetti, il sindaco Guido Castelli e Massimiliano Brugni, assessore allo sport e alle politiche giovanili, e rappresentanti dei sei Sestieri che sono l’anima organizzativa dell’evento.

Si comincia la sera di venerdì 29 giugno con la cerimonia inaugurale. «Abbiamo invitato – spiega Massetti – il gruppo storico Città di Corinaldo “Combusta Revixi” che presenterà lo spettacolo teatrale “Il piccolo principe”, un modo diverso di usare la bandiera». L’appuntamento è per le ore 21 a Piazza Arringo. Massetti ha anche sottolineato la collaborazione con Wap, i commercianti del centro che resteranno tutti aperti e che venerdì offriranno un rinfreesco di benvenuto. «Venerdì – aggiunge l’assessore Brugni – partono anche i saldi anticipati e il connubio mette da parte ogni polemica che si era creata in passato, perchè uniti possiamo davvero fare bene e per la città di Ascoli non è solo un ritorno di immagine, ma anche economico come testimoniano i numeri». Il sindaco Castelli ha sottolineato «questa nuova formula, vincente, di destagionalizzazione della Quintana che non poteva restare limitata alle due edizioni della Quintana. All’inizio non è stato facile – dice – ma le bandiere stanno rappresentando un grande strumento di coesione. E’ fondamentale anche il coinvolgimento dei Sestieri, di tanti volontari (oltre 200, ndr) che possiamo solo ringraziare. Abbiamo insomma trovato il modo per rendere la Quintana strumento stabile di promozione».

Massimo Massetti: alle sue spalle il Palio degli sbandieratori delle gare interne del 7-8 luglio

Le gare si svolgeranno sabato e domenica. La scorpacciata inizia sabato 30 giugno alle ore 9 in Piazza Arringo e in Piazza del Popolo, e proseguirà domenica 1 luglio (sempre dalle 9) ma solo in Piazza Arringo. I partecipanti sono suddivisi per fasce d’età. Questi i gruppi attesi ad Ascoli: Musici e Sbandieratori “Tempesta” di Noale (Venezia), Sbandieratori e Musici Città di Grugliasco (Torino), Città di Oria (Brindisi), Contrada San Michele in Caprugnana (Pisa), Sbandieratori e Musici della Città Regia (Cava de’ Tirreni-Salerno), Leoni Reali (Camporotondo Etneo-Catania), Rione de’ Brozzi (Lugo-Ravenna), Ente Palio del Niballo (Faenza-Ravenna), Contrada “Il Ponte” Forte dei Marmi (Lucca), Sbandieratori e Balestrieri di Volterra (Pisa), Sbandieratori delle Torri Metelliane (Cava de’ Tirreni-Salerno), Battitori ‘Nzegna (Carovigno-Brindisi), Sbandieratori Rione Lama (Oria-Brindisi), Magistrato delle Contrade (Siena), Rione de’ Brozzi (Lugo-Ravenna), Rione Santa Caterina (Asti), Sbandieratori e Musici “Il Pozzo” di Serravezza (Lucca), Borgo San Pietro (Asti), Comitato Palio Borgo Don Bosco (Asti), Associazione dei Rioni di Copparo (Ferrara), Ente Palio della Città di Ferrara, Borgo San Giovanni (Ferrara), Borgo San Luca (Ferrara), Rione Santo Spirito (Ferrara), Rione Santa Maria in Vado (Ferrara), Associazione Musici e Sbandieratori Contrada Monticelli (Quattro Castella-Reggio Emilia), Maestà della Battaglia (Quattro Castella-Reggio Emilia), Contesa Estense (Lugo-Ravenna), Sbandieratori Palio dei Micci (Querceta-Lucca), Gruppo Storico Musici, Sbandieratori e Figuranti di Saletto (Padova), Sbandieratori Santa Margherita d’Adige (Padova), Megliadino San Vitale (Padova), Sbandieratori Merlara (Padova), Associazione Sbandieratori di tradizione astigiana (Asti), Borgo San Lazzaro San Domenico Savio (Asti), Associazione culturale Gruppo Storico de lo Certame (Pescara). A questi vanno aggiunti i sei gruppi ascolani: Sestiere Piazzarola (Ascoli), Sestiere Porta Maggiore (Ascoli), Sestiere Porta Romana (Ascoli), Sestiere Porta Solestà (Ascoli), Sestiere Porta Tufilla (Ascoli), Sestiere Sant’Emidio (Ascoli).

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X