facebook rss

Nuova piattaforma in mare,
anche il Comune dice no

SAN BENEDETTO - L' assessore Andrea Traini contrario alla nuova piattaforma: «La città si oppone alla realizzazione di un pozzo per l’estrazione degli idrocarburi a poco più di 24 chilometri dalla nostra costa proprio di fronte alla foce del fiume Tronto»

E’ in programma domani sera, venerdì 29 giugno, presso il salone parrocchiale della chiesa di Cristo Re a Porto d’Ascoli l’assemblea pubblica organizzata dall’ associazione Ambiente e Salute nel Piceno. E’ in progetto, infatti, una nuova piattaforma di trivellazione del fondale del mare Adriatico, dinanzi alla foce del fiume Tronto, per la realizzazione di un pozzo denominato “Donata 4”, per l’estrazione degli idrocarburi.

A sostegno dei comitati si schiera l’assessore all’ambiente Andrea Traini. «L’Amministrazione comunale –afferma l’esponente della giunta Piunti- è al fianco delle associazioni che si battono per opporsi alla concessione mineraria che prevede una nuova trivellazione del fondale del nostro mare.. Così come ci siamo sempre espressi contro il progetto di un deposito sotterraneo di gas in una zona fortemente antropizzata e, al contempo, fortemente vocata al turismo, così è chiara l’opposizione della Città alla realizzazione di un pozzo per l’estrazione degli idrocarburi a poco più di 24 chilometri dalla nostra costa, proprio di fronte la foce del Fiume Tronto, in corrispondenza della Riserva Naturale Sentina. Invitiamo tutti i cittadini dunque a prendere parte all’assemblea pubblica di domani nel corso della quale illustri esperti spiegheranno le possibili conseguenze derivanti dalla concretizzazione di un simile progetto».

B.Mar.

Nuova piattaforma di trivellazione davanti alla foce del Tronto, un incontro pubblico


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X