facebook rss

Prove cavalieri: tutto
come previsto, tutto come
(probabilmente) sarà

ASCOLI - Senza tener conto di eventuali penalità, e solo dell'esito della prima tornata: 1° Innocenzi (Porta Solestà), 2° Gubbini (Porta Tufilla), 3° Picchioni (Porta Romana), 4° Lionetti (Piazzarola), 5° Zannori (Porta Maggiore), 6° Giusti (Sant'Emidio)

di Andrea Ferretti

Prove generali dei cavalli in archivio, inizia il toto Quintana. Fino al 14 luglio, e poi ancora fino al 5 agosto, ognuno dirà la sua come è giusto che sia per una competizione sportiva quale è ormai diventata la Giostra. La nuova sabbia sistemata nell’otto del Campo dei Giochi ha soddisfatto i protagonisti che si sono cimentati su tre tornate (due sole per Solestà che ha rinunciato alla terza). L’esito della prima tornata la dice lunga su quello che accadrà il 14 luglio, e forse pure il 5 agosto. Considerando che non c’erano i giudici di linea e che quindi non sono state assegnate penalità per qualche tavoletta spostata, analizziamo solo tempi e bersagli. Al primo posto Luca Innocenzi (Porta Solestà) con 662 punti, seguito da Massimo Gubbini (Porta Tufilla) 658, Fabio Picchioni (Porta Romana) 632, Nicholas Lionetti (Piazzarola) 616, Mattia Zannori (Porta Maggiore) 614, Enrico Giusti (Sant’Emidio) 548.

Nelle tre tornate i cavalieri hanno cambiato le proprie cavalcature, cosa che non si può fare durante la Giostra a meno che uno decida di pagare una pesantissima penalità. Nella seconda c’è stato un fuori pista di Zannori e un ex aequo Innocenzi-Lionetti entrambi a 652 punti, seguiti da Gubbini 634, Picchioni 632 e Giusti 600. Nella terza, fuori pista e tornata nulla per Gubbini. Ma, con Innocenzi che aveva già caricato i suoi cavalli nel van, hanno “gareggiato” solo in quattro: 636 punti Picchioni, 622 Giusti, 612 Lionetti e 596 Zannori. Nella quarta tornata si sono cimentati, come da regolamento, i cosiddetti “secondi” (per chi ce l’ha): due centri e un 80 sia per Lorenzo Melosso di Porta Romana (54″2) che Riccardo Raponi di Sant’Emidio (56″8) il quale dovrebbe correre la Giostra di agosto per l’Arme rossoverde; tre centri e 54″8 per Roberto Maurizi della Piazzarola. Nel corso delle prove il Moro è stato quasi sempre posizionato “fuori tacca”. Sotto al bersaglio è confermato il trio Giorgi-Botti-Bracci, con Francesco Durinzi e Luigi De Santis pronti a subentrare in caso di necessità.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X