facebook rss

La partita di calcio in carcere:
divertimento, gol e fair play

SOLIDARIETA’ - Si è disputata nella casa circondariale di Marino del Tronto per iniziativa del Panathlon Club di Ascoli presieduto da Francesco Silvi. Promotrici della riuscita iniziativa Antonella Natalini e Caterina Raimondi

Ha riscosso successo l’iniziativa “La partita di pallone per la vita con Papà” organizzata da Francesco Silvi, presidente del Panathlon Club di Ascoli Piceno. Iniziativa inserita nell’ambito del progetto “Lo sport come integrazione e socializzazione” che ha avuto luogo presso la Casa circondariale di Ascoli grazie al lavoro delle socie Antonella Natalini e Caterina Raimondi. Sono stati disputati due tempi di 30’ ciascuno: risultato finale 2-2. I partecipanti hanno dimostrato agonismo, voglia di giocare e lodevole fair play. Ha arbitrato proprio la panathleta  Antonella Natalini che ha formato questo gruppo di atleti al termine di un percorso durato qualche mese con incontri settimanali. Alla presenza della direttrice del carcere, Lucia Di Feliciantonio, e di Igino Cacciatori (ex calciatore) rappresentanza dell’amministrazione comunale di Ascoli Piceno, al termine è stata consegnata una targa ricordo della manifestazione.

B.Fer.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X