facebook rss

Estorsione e rapina per la droga non pagata
Maxi condanna a un giovane rumeno

ASCOLI - Dovrà scontare due anni e otto mesi. La sentenza è stata emessa dal collegio penale presieduto dal giudice Marco Bartoli

Una cessione di 50 euro di sostanza stupefacente (marijuana) non pagata aveva scatenato la violenta reazione di un giovane rumeno residente a Monteprandone finito sotto processo con l’accusa di spaccio e tentata estorsione e rapina a danno di un ragazzo di Acquasanta. Ora il giovane è stato condannato a 2 anni e otto mesi dal collegio penale presieduto dal giudice Marco Bartoli (Pomponi e Giusti a latere).

L’interno del tribunale

I fatti risalgono al 2015, quando, secondo l’accusa, l’imputato, difeso dall’avvocato Saveria Tarquini, si era introdotto a casa della vittima forzando la porta di ingresso e, una volta dentro, minacciandolo di ucciderlo con un manico di scopa.

Alla base di tutto ci sarebbe il debito di 50 euro per della droga non pagata. In aula era stata ascoltata anche la vittima che ha confermato il fatto e ricordato anche altri episodi in cui sarebbe stato oggetto di minacce e anche del furto del cellulare sempre per la “maria” non saldata. Erano stati sentiti anche i genitori che hanno confermato l’effrazione alla casa e la presenza sospetta di due giovani a bordo di un auto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X