facebook rss

Vip dello sport per parlare
di calcio al “Premio Libero Bizzarri”

SAN BENEDETTO - Arrigo Sacchi, Franco Causio, Josè Altafini e tanti altri ospiti in Riviera per la venticinquesima edizione del prestigioso appuntamento. "Il calcio-una scelta, un impegno, un progetto", ma si parlerà anche di rugby e beach soccer

Arrigo Sacchi sarà tra gli ospiti del “Premio Libero Bizzarri”

di Benedetto Marinangeli

Dopo il grande successo ottenuto nella passata edizione anche nel 2018 la 25esima edizione del premio Libero Bizzarri sarà dedicata allo sport più bello del mondo, il calcio. Una scelta che rappresenta un elemento di novità e singolarità, con la manifestazione sambenedettese che è l’unica a trattare specificamente questo argomento. Il calcio – una scelta, un impegno, un progetto questo il titolo del festival che inizierà il 29 luglio.

Organizzato dalla Fondazione Libero Bizzarri, con il patrocinio e il sostegno del Comune di San Benedetto del Tronto e della Regione Marche, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e con la collaborazione dell’ Associazione Noi Samb e dell’ Unione Rugby San Benedetto ha come obiettivo quello di registrare questo fenomeno con spirito di osservazione, partecipazione, con l’ottica dell’interesse culturale e con l’acuta indagine della curiosità, la mission che la Fondazione si è data.

Franco Causio giocò 18enne nella Samb il campionato di Serie C 1965-1966

Ma dal calcio si spazierà anche sul rugby. Il Festival sarà inaugurato il 29 luglio ad Arquata del Tronto allo scopo di “mantenere accesi” i riflettori sulle zone colpite dal terremoto, a due anni dal sisma, dopo la fase molto attiva che ha visto il coinvolgimento delle istituzioni. Anche l’Edizione 2018  del Premio Bizzarri ha ricevuto il patrocinio della FIGC per il sostegno da dare, nelle serate del Premio, all’iniziativa “Il calcio aiuta”, finalizzata a sopportare il ripristino della pratica calcistica nelle aree colpite dagli eventi sismici del 2016.

Dal 30 luglio la manifestazione continuerà presso la Palazzina Azzurra di San Benedetto del Tronto e tratterà svariati temi a sfondo sociale e culturale legati al mondo dello sport: Cultura sportiva: “orgoglio, passione e sentimento”. La nostra Samb. Progetto “La Giovane Italia”: efficace iniziativa di promozione dei settori giovanili, piattaforma progettuale capace di ispirare e suggerire idee e soluzioni per una nuova stagione del calcio italiano. Modelli di eccellenza dei settori giovanili:  Atalanta, Empoli, Sassuolo. Il progetto dell’Olbia Calcio.

Josè Altafini

E poi si parlerà anche del  Rapporto Sport, Scuola e Famiglia. Focus sugli spazi verdi urbani da dedicare al calcio e allo sport. Calcio e Rugby: “così lontani e così vicini”. Sambenedettese Beach Soccer: un’eccellenza locale. Diamo un calcio alla disabilità: la pratica sportiva come terapia e come riscatto sociale.

Le serate saranno condotte dai giornalisti Sky il sambenedettese Maurizio Compagnoni e Paolo Ghisoni con la partecipazione di grandi personalità del calcio e del rugby quali: Arrigo Sacchi, Matteo Marani, la bandiera rossoblù Paolo Beni (30 luglio), Franco Causio (31 luglio) che giovanissimo giocò nella Samb, Josè Altafini (1 agosto), Catia Serra e Lara Laterza (2 agosto), l’ex campione di rugby Pierluigi Camiscioni, Salvatore Perugini, Massimo Alfonsetti (3 agosto), Paolo Berrettini (4 agosto). Ogni serata prevede la proiezione di un omaggio a Libero Bizzarri, documentari in concorso, contributi audiovisivi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X