facebook rss

Se le suonano di santa ragione in spiaggia
ma all’ospedale ci va una donna
(Video)

GROTTAMMARE - Scenario della rissa da far west un noto chalet della riviera. Coinvolti nella rissa un ambulante di colore e il gestore. Durante la colluttazione un tamburo di legno colpisce una "spettatrice": trasportata al pronto soccorso
In alto a sinistra si nota il parapiglia filmato dallo stabilimento vicino

di Luca Capponi 

Tra i due litiganti…il terzo va all’ospedale. E la rissa in spiaggia diventa un caso. Che sembra avere sfondi razziali. Di sicuro c’è che intorno alle 15 di oggi, in un noto chalet della riviera, è scoppiato il parapiglia. Il tutto dovuto al litigio divampato tra un ragazzo di colore e il gestore dello stesso stabilimento balneare. Motivo del contendere, stando ad alcune testimonianze, il fatto che il ragazzo, un venditore ambulante sulla ventina, avesse poggiato i suoi oggetti su uno sdraio dello chalet in questione. Risultato: alla fine sono dovuti intervenire Carabinieri e Polizia. Ma anche un’ambulanza della Misericordia che ha soccorso una donna rimasta ferita pur non c’entrando nulla.

Ma andiamo con ordine. Dai primi racconti sembra che il ragazzo di colore si fosse fermato a chiacchierare con una signora, che poi ha deciso anche di offrirgli un caffè. Tornati di nuovo in spiaggia, si è soffermato per un po’ poggiando su una sdraia borsoni e oggettistica varia. Proprio questo sembra essere stato uno dei motivi che ha scatenato gli animi; alle richieste del proprietario di allontanarsi, il ragazzo avrebbe tergiversato con più di un mugugno. Il proprietario, per tutta risposta, avrebbe buttato il materiale in vendita a terra prima che il ragazzo si allontanasse verso lo stabilimento accanto. Proprio lì sarebbe stato di nuovo raggiunto dal proprietario, stavolta accompagnato dal figlio; i due lo avrebbero bloccato in attesa dell’arrivo delle forze dell’ordine da loro stessi chiamate. Sembra, però, che il concetto di “bloccare” sia stato un pelino travisato; parapiglia immediato, rissa, spintoni (col ragazzo di colore in minoranza visto che alcuni bagnanti sembra abbiano dato manforte alla…”cavalleria”: tra coloro i quali hanno assistito c’è chi ha parlato di vero e proprio pestaggio) e un tamburo, tra la merce dell’ambulante, volato verso una donna. Non si è capito bene chi sia stato a scagliarlo, fatto sta che il pesante oggetto l’ha colpita in testa causandole un vistoso bernoccolo. All’arrivo dei soccorsi la donna si è rifiutata di andare in ospedale ma qualche ora dopo, accusando nausea e giramenti di testa, è stata condotta al Pronto soccorso di San Benedetto dalla stessa Misericordia per effettuare alcuni accertamenti. Il ragazzo di colore, ferite evidenti sul volto, è stato portato in commissariato. Il gestore dello chalet no.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X