facebook rss

Grottammare, dopo lo sparo
prende a calci e pugni la fidanzata

Echeggiavano ancora gli applausi, alla fine dei suggestivi fuochi d’artificio sul mare a Grottammare, quando dal palco in Piazza Kursaal una voce ha allertato i soccorsi per una ragazza “a terra” sulla spiaggia antistante. Tunisina, circa trent’anni, sembra sia stata presa a calci e pugni dal fidanzato alla fine dello spettacolo pirotecnico, mentre la folla che aveva riempito fino a pochi minuti prima il tratto sabbioso si stava dileguando lentamente. Ma non abbastanza per non rendersi conto di quanto stava accadendo. A seguito di un pugno alla nuca, la giovane si è accasciata ed il ragazzo le ha sferrato calci sui fianchi e sulla schiena fino a lasciarla “senza fiato”, con gli occhi aperti però incapace di rispondere agli stimoli fisici e verbali. Molti dei presenti hanno chiamato aiuto ed immediatamente sono intervenuti i Carabinieri della locale stazione, i Vigili urbani ed i soccorritori della Misericordia di Grottammare che fortunatamente erano tutti in servizio sulla piazza in occasione della festa del patrono. Eddy Gangemi, in divisa giallo ciano, ha provveduto a stabilizzare la donna per poi trasportarla al pronto soccorso dell’ospedale di San Benedetto del Tronto. Determinate l’opera della Polizia municipale per aiutare l’ambulanza a farsi largo, nonostante le sirene spiegate, tra la folla che ancora riempiva la piazza ed il lungomare. I militari dell’Arma, senza perdere tempo appena assicurata la giovane ai soccorsi, hanno raccolto le prime testimonianze per ricostruire la dinamica dei fatti. Al momento sembra che la ragazza non sia in pericolo di vita.

M.N.G.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X