facebook rss

Stoccaggio gas: dopo la vittoria al Tar,
il Comitato chiede di “chiudere” la pratica

SAN BENEDETTO - Il Comitato Ambiente e Salute del Piceno: «Oltre a cittadini, associazioni, componenti del territorio,richiameremo l'attenzione dei deputati eletti nel piceno che ci rappresentano sia al Senato che nel Parlamento della Repubblica».

Il TAR accoglie il ricorso del comune di San Benedetto sullo stoccaggio gas, presentato contro la decisione del ministero di rigettare la richiesta di revisione della valutazione di impatto ambientale del 2014.

Sull’ argomento interviene il Comitato Ambiente e Salute del Piceno. «Dopo i gravi eventi sismici che hanno colpito il nostro territorio si pone un dubbio legittimo sul pericolo sismico, punto di forza del ricorso. Basandoci sulle stesse problematiche geologiche la nostra associazione affiancata dalla vecchia amministrazione, aveva inviato alla Regione Marche la medesima richiesta, ma nonostante gli studi tecnici da noi forniti e i diversi incontri effettuati fu rigettata, preferendo tutelare i tecnici della Regione che l’avevano approvata».

«Su questo nuovo ricorso al TAR, la nostra associazione sta valutando con l’ausilio dell’avv. Fabiana Pechini, l’opportunità di agganciarsi con una memoria ad adiuvandum, in tal caso ci metteremo a disposizione dei comuni del territorio che volessero compiere la stessa azione, ribadendo l’unione del territorio contro questo assurdo progetto, così come già facemmo in passato. Le sinergie messe in campo in questa nuova opportunità, che l’amministrazione ha saputo cogliere, ci fanno ben sperare sulle nuove azioni di contrasto che stiamo organizzando, attraverso delle nuove richieste ai ministeri: Sviluppo Economico e dell’Ambiente».

«Questa vicenda –conclude la nota stampa- è da chiudere definitivamente. Lo faremo mettendo in campo tutte le nostre risorse: cittadini, associazioni, componenti del territorio e coinvolgendo i politici. In particolare richiamiamo l’attenzione dei deputati eletti nel piceno che ci rappresentano sia al Senato che nel Parlamento della Repubblica».

B.Mar


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X