facebook rss

Auguri a Mussolini, tuona il Pd
«E’ inconcepibile: il sindaco Piunti
prenda una chiara posizione»

SAN BENEDETTO - Dopo il gesto di Gian Luigi Pepa: "In un momento come questo in cui si sta vivendo a livello nazionale rigurgiti fascisti ed episodi di intolleranza, chi riveste incarichi pubblici non inneggi al fascismo o fomenti un clima di odio, ma dia esempio alla collettività come fa il Presidente della Repubblica Mattarella"

Ancora polemiche in merito al caso di Gian Luigi Pepa, il consigliere in quota politica nella Multiserivizi che l’altro ieri 29 luglio aveva fatto gli auguri su Facebook a Benito Mussolini nell’anniversario della nascita del duce, scatenando una vera e propria rivoluzione sui social che, automaticamente, si è trasferita nell’ agone politico.

Edward Alfonsi

E infatti oggi il Partito Democratico ne stigmatizza il comportamento, con una nota firmata dal segretario comunale Edward Alfonsi e da quelli di sezione Claudio Benigni, Roberto Giobbi e Daniela Bigossi.

“Il Partito Democratico di San Benedetto del Tronto – scrivono – intende esprimere tutto il proprio sdegno per quanto accaduto: che l’avvocato Gian Luigi Pepa membro del Consiglio di amministrazione della Multiservizi, società a partecipazione pubblica del Comune di San Benedetto, esprima attraverso un post su Facebook gli auguri di “buon compleanno alla memoria” nel giorno della nascita di Benito Mussolini un dittatore che fondò il fascismo e introdusse le leggi razziali nel nostro Paese”.

Il sindaco Piunti

“Sottolineiamo che in un momento come questo in cui stiamo vivendo a livello nazionale rigurgiti fascisti ed episodi di intolleranza, è importante che chi riveste incarichi pubblici non inneggi al fascismo o fomenti un clima di odio, bensì dia esempio alla collettività come fa il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Attendiamo quindi – conclude la nota – che il sindaco della nostra amata città esprima una posizione chiara e precisa su quanto accaduto”.

B.Mar.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X