facebook rss

“RisorgiMarche” chiude a San Giacomo
Marcorè e GnuQuartet vista mare

ASCOLI - Il 2 agosto gran finale del festival ideato dall'attore-cantante, che per l'occasione duetterà con l'interessante quartetto strumentale. Il live in una location suggestiva raggiungibile dopo un'ora di cammino. Tutte le informazioni utili

di Luca Capponi 

“RisorgiMarche 2018” chiude in bellezza. E forse definirla bellezza è pure riduttivo. Ammirare il mondo da Colle San Giacomo, infatti, dove nei giorni più chiari si vede anche il Monte Conero, è un’esperienza che va oltre. E’ lì che la carovana del festival ideato da Neri Marcorè per portare attenzione e gente sulle montagne del sisma, la cui ricca edizione è partita esattamente un mese fa da Forca di Presta (con Piero Pelù), si dirigerà per la festa finale prevista del 2 agosto.

Neri Marcorè (foto di Marco Biancucci)

La formula rodata prevede passeggiata più concerto pomeridiano alle 16,30 circa; stavolta a salire sul palco sarà lo stesso Marcorè (per chi non lo sapesse, sono tante le sue incursioni nelle vesti di cantante, dai tempi di “Attenti  quei due” con Luca Barbarossa fino a “Un certo signor G” in cui riproponeva Gaber in teatro e, curiosità, alla partecipazione nel disco “Q.P.G.A” di Baglioni) in tandem con il suadente GnuQuartet, melodie per viola, flauto, violino e violoncello con l’estro di Raffaele Rebaudengo, Francesca Rapetti, Roberto Izzo e Stefano Cabrera, oltre dieci anni di attività e tante perle regalate di fianco a gente come Baustelle, La Crus e Afterhours.
Altamente probabile che la sinergia artistica darà spazio ai grandi successi di Fabrizio De Andrè, sulla scia di “Come una specie di sorriso”, spettacolo che stanno portando in tour.
Dal punto di vista logistico, per arrivare alla zona del concerto si potrà parcheggiare nel grande piazzale di San Giacomo ed in altre aree allestite per l’occasione, per un totale di circa 3.700 posti auto. Si può arrivare in loco da Ascoli, salendo lungo la strada di Colle San Marco, da Ripe di Civitella lungo la strada provinciale 53 o da Valle Castellana, dove il Comune metterà a disposizione un bus navetta dalle 13.

Lo GnuQuartet

Una volta lasciata l’auto, tre chilometri e mezzo di ascesa (dislivello di 250 metri) per un’oretta di cammino fino a quota 1.350 metri con vista Montagna dei Fiori-Mare Adriatico davvero ineguagliabile. Dato il caldo torrido previsto e visto l’orario in cui si svolgerà l’evento, sia l’organizzazione sia il buon senso suggeriscono di munirsi di notevoli scorte d’acqua oltre che di protezioni solari in versione crema o copricapo.
Per l’occasione, in vista del classico dopofestival, i Musei Civici di Ascoli offriranno un ricco programma di aperture serali e visite al patrimonio storico artistico piceno. Pinacoteca Civica e Forte Malatesta, saranno aperti fino alle 24 con visite guidate gratuite negli orari 21-22-23. Nel giardino di Palazzo Arengo, inoltre, sarà possibile ammirare, fino al 4 agosto, la mostra-mercato dell’Accademia dei maiolicari ascolani, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 22. Anche negozi e ristoranti saranno aperti fino alle 23 per accogliere i “reduci” di “RisorgiMarche”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X