facebook rss

Dopo venti anni
chiude la “squadra tifoserie”
del Commissariato di San Benedetto

ORDINE PUBBLICO - Il compito di controllare e interloquire con la tifoseria rossoblù passa alla Digos della Questura di Ascoli. Il Siulp provinciale: «Un ringraziamento ai dirigenti del Commissariato che si sono succeduti e al personale che per tanti anni ha operato in questo settore»

di Benedetto Marinangeli

La curva nord della Samb (foto Cicchini)

Dopo venti anni chiude la “squadra tifoserie” del Commissariato di San Benedetto. Il questore di Ascoli, Luigi De Angelis, in linea con quanto determinato da norme ministeriali ha stabilito che a partire dalla stagione agonistica 2018-2019, della tifoseria rossoblù non dovranno più occuparsi i poliziotti locali. La nuova normativa, infatti, è entrata in vigore sin dalla gara di Tim Cup di domenica scorsa con la Sanremese e questo delicato compito è stato svolto dagli uomini della Questura di Ascoli Piceno.

«Il Siulp provinciale – scrive in una nota stampa il segretario Massimo Mellozzi – prende quindi atto dell’applicazione legittima di una vecchia circolare ministeriale. Il Siulp coglie l’occasione per ringraziare i dirigenti del Commissariato che si sono succeduti ed il personale di Polizia che per tanti anni ha operato in questo settore, nella certezza che i buoni risultati sino ad ora ottenuti proseguiranno con la nuova gestione da parte della Digos della Questura di Ascoli».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X