facebook rss

La “Love story” di Innocenzi
«Porta Solestà sa come si vince»
(Video-intervista)

ASCOLI - La dodicesima gioia alla Quintana per il 35enne cavaliere di Foligno dopo il testa a testa con Gubbini (Tufilla). «Credo che oggi, in questa giornata, il mio cavallo fosse il più forte. Può aprire un ciclo? Credo abbia le carte in regola». Stasera festa fino a tarda ora nella "Taverna del Sole"
L'intervista a Innocenzi

di Claudio Romanucci

La lotta sotto il sole del campo giochi si tramuta in gioia, la sua dodicesima con Porta Solestà, la trentesima in assoluto per il sestiere gialloblù. Luca Innocenzi ribalta la gara alla seconda tornata, recupera lo svantaggio di 4 punti della prima e allunga nella terza e decisiva serie di assalti.
Lo chiamano a festeggiare, dopo aver alzato la lancia, sotto la gradinata e lui sorride e poi chiama tutti a raccolta nella “Taverna del Sole” per brindare ancora, esattamente la trentesima volta.

Innocenzi abbracciati dai sestieranti gialloblu

«Il sestiere di Porta Solestà sa come si vince, non a caso è il più vincente. Sanno come farti stare a tuo agio ed arrivare alla giostra nel miglior modo possibile. -spiega Innocenzi- La sconfitta di luglio è particolare, avevamo preso una scivolata, una tavoletta in maniera “particolare”, il cavallo si era preoccupato al terzo giro si era ricordato della scivolata precedente. Personalmente non l’ho ritenuta una vera e propria sconfitta anche se poi non ho vinto il palio. Sapete come sono le cose alla Quintana, quando uno sta in forma, ha l’età giusta e l’esperienza dispiace lasciare palii per strada. Bisogna anche dire che ci sono avversari forti quanto me. Quando vince Massimo (Gubbini, ndr) tanto di cappello».
La gara è cambiata alla seconda tornata quando ha superato Tufilla nel punteggio.
«Alla prima ho fatto un “errorino” al bersaglio altrimenti sarei stato in testa. Diciamo che c’è stata una mia piccola distrazione che cercherò di non fare più. Il mio cavallo ha dimostrato di essere superiore nell’arco di tutta la gara, per quanto Gubbini ed il suo sono fantastici. Credo che oggi, in questa giornata, “Love story” fosse la più forte».
Si può aprire un ciclo con il nuovo purosangue?
«Questa è la speranza, sicuramente ha dimostrato di avere tutte le carte in regola. Credo sempre che la vittoria più bella sia quella che verrà. Ma oggi pensiamo a questa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X